Home » POLITICA » Nuovo governo: quanti oceani tra il dire e il fare
Perché questi due mesi di schermaglie? Trattavano sottobanco

Nuovo governo: quanti oceani tra il dire e il fare

di ilTorinese pubblicato lunedì 14 maggio 2018
In attesa del nuovo premier in arrivo tra poche ore formulo una tesi politicamente ardita: con la formazione del governo e della maggioranza i vincitori sono Berlusca e Renzi. Proprio cosi. Il nostro zio Berlusca è quasi simpatico. Con il bel faccione che dopo le consultazioni con il Presidente della Repubblica ” ha fatto il direttore d’orchestra ” ricordando a Salvini che i soldi per la campagna elettorale li ha garantiti lui. E il fiorentino ” maledetto “, il Matteo nazionale che elegantemente continua: il Pd è roba mia. Poi sicuramente il Giggino Di Maio –  oserei dire faccia di tolla – che afferma: io al Berlusca comincio a volergli bene. Non ho mai posto il veto su di lui. Ma si sa, il bene della Patria è al di sopra di tutto. Vogliono il governo… ed un governo avranno. Perché questi due mesi di schermaglie? Trattavano sottobanco. Semplice, no? E la rivoluzione grillina si infrange contro gli scogli del realismo politico. Con il Renzi che sincerava con il centro destra … fate pure l’accordo con i pentastellati. La ” componente di sinistra ” ne esce un po’ malconcia, ma Parigi val bene una Messa. Per ora i deputati e senatori l’hanno ” sfangata”. Lo stipendio è assicurato. Per fare che cosa? Non corriamo. Prima si trova l’accordo sulle poltrone, poi si vede cosa fare o più realisticamente che cosa non fare. Ad oggi una sola cosa è certa : nessuna legge sull’ incompatibilità. Lo ” psico nano “come lo chiama Grillo l’ha posta come condizione . E visto che non si vive solo di companatico, a  Forza Italia tutte le presidenze delle commissioni, in particolare quella di Garanzia, storicamente appannaggio delle opposizioni.  Del resto si asterranno e sono ” virtualmente ” delle opposizioni. Non me ne vogliano i napoletani ma un po’ di sceneggiata napoletana non guasta. Obbiettivo finale fare sgonfiare il fenomeno pentastellato. Del resto é già avvenuto a Torino come a Roma. Se li conosci li eviti. Trattive iniziate. Ed i grillini:  vedete che siamo diversi. Noi solo contratto alla tedesca. Balle. Stanno discutendo sui ministeri e soprattutto sul premier con Mattarella gentilmente vigile che rassicura gli italiani: non faranno quelli che vogliono loro. Con Di Maio improvvisamente europeista Salvini che sostiene: io ” ci voglio bene alla Merkel”.Tutto cambia repentinamente, senza soluzione di continuità. La coerenza è un retaggio del passato. E in  Piemonte? Aspettano tutti l’evolversi degli eventi nazionali. Qualcuno di  Forza italia che non si riconosce appieno sottolineando che ” il Cavaliere è e sarà sempre nostro Leader”.  Ora anche con la riabilitazione per il Berlusca la santificazione è fatta. I Leghisti contenti di ” aver trovato sulla loro strada” Matteo Salvini alias il Capitano. E come dice nonno Libero … e ho detto tutto. Terzo polo. Chiampa getta la spugna. Congresso rinviato : non avete più bisogno di me. Ma se mi ascoltate, cari piddini, é proprio del congresso che avete bisogno.  Ed alla maniera del principe Tancredi si fa finta di partire affinché nulla cambi. Questo non vuol dire che nel Pd non si discute.  Ma il ” confronto” avanza via web. Sui social o WhatsApp. Si scrive, si scrive, si dice. Tanto non si approda a nulla. Tanto le scelte spettano ad altri. E Torino guarda a Milano e Roma. Guarda e subisce in silenzio. Una ultima personale curiosità: ci saranno ministri e sottosegretari della nostra regione? E quanti saranno i ministeri? Nell’ultimo governo Prodi furono 103, compresi i sottosegretariati. Record assoluto. Qualcosa mi dice che stavolta saranno di più.  Con i pentastellati che dicono: se noi facciamo un accordo politico si chiama contratto di governo. Con Pd e Berlusca un accordo inciucio.  Potenza delle parole. Ma, dicevamo, più che una vittoria di Salvini e Di Maio mi sembra una vittoria di Berlusca e Renzi..  Ed ancora speriamo in Mattarella che, vigilando, tenga freno a questi scalmanati. L’ha già fatto, osservando che ministri antieuropei è meglio non proporli. Sarebbe imbarazzante con un’ Europa più forte di noi. Sapete perché? Ha evitato il fallimento dell’ Italia. Vedremo a settembre quanti soldi si incasseranno dalla prima rata della rottamazione delle cartelle esattoriali. E dalla flat tax al reddito di cittadinanza quanti oceani ci sono tra il dire ed il fare. Anche per far cantare messa ci vogliono dei soldi.
Patrizio Tosetto