Home » prima pagina » Nuovi soccorsi piemontesi a Farindola. La speranza è trovare altri superstiti sotto la valanga
LAVORANO ANCHE PER LIBERARE DALL'ISOLAMENTO LE FRAZIONI COLPITE DALLA TEMPESTA DI NEVE E PER DARE SUPPORTO AI TERREMOTATI

Nuovi soccorsi piemontesi a Farindola. La speranza è trovare altri superstiti sotto la valanga

di ilTorinese pubblicato domenica 22 gennaio 2017

I 23 operatori del Cnsas Piemonte (Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese) partiti lo 19 gennaio hanno lasciato gli Abruzzi. A dare loro il cambio è  il nuovo contingente di 24 uomini partiti questa mattina da Torino.

soccorso-alpino

E domani sera a Farindola, località dove l’hotel Rigopiano è stato sepolto dalla valanga e negli altri Comuni colpiti da terremoto e dal maltempo arriverà il terzo contingente. I soccorritori piemontesi hanno svolto e svolgeranno con le sostituzioni di personale il lavoro di scavo e ricerca presso l’albergo, e gli interventi nelle frazioni del teramano rimaste isolate. Nell’area della valanga  i soccorritori sono impegnati per individuare locali rimasti intatti. Matteo Gasparini, delegato dell’Ossola e nuovo referente del contingente piemontese in Abruzzo  spiega all’agenzia Ansa: “stiamo tentando di attaccare i muri perimetrali dell’hotel nel tentativo di penetrare le pareti di cemento armato: dietro cui potrebbero trovarsi eventuali superstiti”.