Home » ECONOMIA E SOCIALE » Forum islamico, sotto la Mole i protagonisti dell’economia
PRIMA INIZIATIVA DEL GENERE A LIVELLO MONDIALE

Forum islamico, sotto la Mole i protagonisti dell’economia

di ilTorinese pubblicato lunedì 17 novembre 2014

islamA Torino sono circa 80mila le persone di religione islamica, vale a dire più o meno il 10% della popolazione

 

Sono sei i Paesi decisivi per la crescita  dell’economia e della finanza islamica: Qatar, Indonesia, Arabia Saudita, Turchia, Emirati Arabi e Malesia. Paesi destinati a far parte  delle venticinque economie mondiali a crescita rapida. Si stima che  raggiungeranno nel 2018 un Pil di 4.800 miliardi di dollari, avvantaggiati anche da una popolazione giovane di 420 milioni di persone circa, con flussi commerciali pari a 3.600 miliardi di dollari e attività bancarie per 6 mila miliardi. 

 

Come cambiano le cose. I nostri vecchi non lo avrebbero immaginato (e neppure noi, fino a pochi anni fa). A Torino sono circa 80mila le persone di religione islamica, vale a dire più o meno il 10% della popolazione. Il Comune – iniziativa unica al mondo nel suo genere – ha quindi pensato di promuovere il Turin Islamic Economic Forum (TIEF 2014), dedicato alle prospettive commerciali con l’economia islamica ispirata alla Shari’a (legge sacra). Un’economia che, va detto, rappresenta il 15% del Pil mondiale ed è molto attiva in settori tipicamente italiani quali la moda, il food e la cosmetica. 

 

Spiegano in municipio: “L’intermediazione finanziaria, secondo la Shari’a, deve essere legata alla presenza concreta di un’attività reale, indirizzata a finalità precise e il riferimento all’asset e alla condivisione del rischio contraddistinguono l’Islamic finance rispetto all’intermediazione finanziaria convenzionale.Torino, città in costante trasformazione, può assicurare a tutto il mondo finanziario numerose opportunità d’investimento e non intende perdere l’occasione di offrirle anche a un partner così importante, come lo è quello rappresentato dal mondo islamico”.

 

L’iniziativa è promossa in collaborazione con la Camera di Commercio e l’Università. Saranno in città  i più importanti protagonisti della finanza e dell’economia dei paesi arabo-islamici. L’intento è di fare una panoramica sulla finanza islamica in Europa e sullo sviluppo dell’imprenditoria socialmente responsabile. Il forum si svolgerà sotto la Mole, al centro Torino Incontra di via Nino Costa  lunedì 17 e martedì 18 novembre. Polemiche sono state sollevate dai consiglieri di opposizione in Comune: Ricca (Lega), Magliano (Ncd), Marrone (Fdi) e Tronzano (Forza Italia) hanno sottolineato l’importanza di dedicare iniziative alle realtà produttive torinesi e piemontesi. Ma nel mondo qualcosa è cambiato.

 

(Foto: il Torinese)