Home » prima pagina » Nosiglia: “il terrorismo fa paura, complica la vita degli immigrati”. E non solo la loro
"Anche la crisi economica e le difficoltà di applicazione delle leggi per l'accoglienza e il permesso di soggiorno creano ulteriori difficoltà"

Nosiglia: “il terrorismo fa paura, complica la vita degli immigrati”. E non solo la loro

di ilTorinese pubblicato venerdì 6 gennaio 2017

Il giorno dell’Epifania l’arcivescovo di Torino, mons.Cesare Nosiglia, presso la Chiesa del Santo Volto, nell’omelia per la ‘Festa dei popoli’ ha toccato i temi dell’immigrazione e i doveri dell’accoglienza. “Di fronte a tante difficoltà che incontriamo ogni giorno, nel nostro cammino di inserimento, non dobbiamo scoraggiarci.  

nosiglia lanzo 2

Questa città  tante volte si mostra indifferente ed estranea, se non sospettosa e poco propensa ad accogliere gli immigrati come vorremmo”. L’arcivescovo ha aggiunto:  “Anche la crisi economica  e le difficoltà di applicazione delle leggi per l’accoglienza e il permesso di soggiorno creano ulteriori difficoltà, come il problema della casa e del lavoro, i ricongiungimenti familiari”. Nosiglia, pensando probabilmente all’episodio della famiglia islamica che, nei giorni scorsi, in un cinema di Torino, è stata sospettata di terrorismo dal pubblico che ha abbandonato la sala, ha sottolineato anche questo aspetto: ” il timore  del terrorismo suscita paure e rifiuti, e rende sempre più difficile la vita degli immigrati”. E non solo degli immigrati, a dirla proprio tutta.

 

(foto: il Torinese)