Home » ECONOMIA E SOCIALE » Nosiglia dopo la morte del clochard: “Questa è una sconfitta della città e anche della Chiesa”
UN SENZATETTO DI 48 ANNI MORTO ASSIDERATO NELLA NOTTE IN PIENO CENTRO

Nosiglia dopo la morte del clochard: “Questa è una sconfitta della città e anche della Chiesa”

di ilTorinese pubblicato venerdì 6 febbraio 2015

barboni

L’arcivescovo: “Non può essere questa la carta d’identità di Torino da presentare al Santo Padre quando verrà”

 

Un senzatetto romeno di 48 anni è morto assiderato  nella notte  di lunedì su una panchina nel centro città, in largo Montebello. Il medico legale  ha immediatamenre escluso che la morte sia avvenuta per cause violente. E’ stata disposta l’autopsia e la polizia sta indagando sul caso. Il clochard soffriva già di molti malanni.

 

 Ecco il commento dell’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia:   “Mi spiace dirlo di una città che per la carità, e per l’accoglienza, fa tantissimo. Non colpevolizzo nessuno e so bene la difficoltà ad aiutare queste persone, a volte a convincerle ad accettare un rifugio caldo e sicuro, ma di questa giustificazione non facciamone un alibi. Questa è una sconfitta della città e anche della Chiesa. Non può essere questa la carta d’identità di Torino da presentare al Santo Padre quando verrà qui”.