Home » LIFESTYLE » Non una dieta, ma un metodo alimentare personalizzato
Eugenio Franzero medico chirurgo specializzato in Nutrizione umana

Non una dieta, ma un metodo alimentare personalizzato

di ilTorinese pubblicato giovedì 1 marzo 2018

Dieta. Dal greco “daita” il termine indica un modo di vivere; nel secondo significato, dal latino “dies”, si richiama al termine “giorno”. È nella prima accezione che la intende il dottor Eugenio Franzero, medico chirurgo nutrizionista, con studio a Torino in corso Galileo Ferraris 51 e, dal settembre 2009, attivo anche a Milano. “Non mi piace parlare ai miei pazienti di dieta – precisa il dottor Franzero – quanto piuttosto di “metodo alimentare”. Oggi in Italia esiste, purtroppo, nel campo ancora molta confusione legislativa e normativa e, spesso, i pazienti appaiono disorientati nel momento nel quale decidono di affrontare un percorso di dieta, a volte spinti, soprattutto se donne, soltanto dall’esigenza e dal desiderio di perdita di peso corporeo. Assumere un metodo alimentare nuovo, secondo me, rappresenta, invece, un passo molto più completo nella vita di una persona, coinvolgendo anche l’acquisizione di nuove conoscenze sugli alimenti ed ottenendo benefici sulla salute a 360 gradi. Il medico deve servire come guida nel percorso di dieta del paziente, che in un momento successivo dovrà proseguire più autonomamente”.

 

***

“La mia attività di medico chirurgo esperto in nutrizione umana – precisa il dottor Franzero – si avvale di molteplici e proficue collaborazioni che hanno permesso di sviluppare esclusivi kit per le indagini diagnostiche, qual il cytotest ed il test del DNA, vale a dire l’analisi dei geni, che viene effettuata con prelievo mucoso, elaborato dal Genetic Lab, laboratorio leader a livello europeo nella diagnostica molecolare. Per questo test dallo scorso gennaio sto utilizzando un kit delle intolleranze che è frutto di miei studi, messo a punto da me in maniera esclusiva. Il cytotest rappresenta ad oggi la tecnica d’indagine più affidabile per le intolleranze alimentari e riconosciuta dal Ministero della Sanità, ottenuta con prelievo di sangue venoso. Dopo aver effettuato sul paziente il cytotest e dopo la sua valutazione dal punto di vista anamnestico, elaboro un piano alimentare personalizzato, partendo sempre dalla considerazione che la dieta deve essere una scelta consapevole personale. Il mio piano alimentare personalizzato si basa su un metodo che non prevede che si pesino gli alimenti, né che si contino le calorie o si utilizzino farmaci. Il mio metodo si basa, invece, sull’eliminazione temporanea (di solito da 4 a 6 mesi) dei soli alimenti verso i quali il paziente presenta una intolleranza e sul loro successivo reintegro a fine dieta, sotto stretto controllo medico”.

***

“Con questo metodo” aggiunge il dottor Franzero – si ottengono risultati molto positivi nel calo graduale del peso corporeo, nel mantenimento nel tempo dei risultati raggiunti, nell’attenuazione ed in molti casi scomparsa della sintomatologia di accompagnamento (cefalee, coliti, dermatiti), nel miglioramento dei valori della glicemia, colesterolemia e della pressione sanguigna. Un altro test che i pazienti possono effettuare presso il mio studio è quello del DNA, vale a dire l’analisi dei geni, effettuato con prelievo del tampone mucoso. È un test adatto a tutti ed in particolare a coloro che sospettino una predisposizione familiare ad una patologia, utile anche nel mantenimento di diete pregresse, negli sportivi e nei bambini. Questo test rientra nella disciplina della nutrigenomica, che si basa non sul principio della dieta, bensì su quello di un programma di prevenzione finalizzato a ridurre al minimo lo sviluppo di gravi patologie quali diabete, elevati livelli nel sangue di colesterolo e trigliceridi, aumento degli acidi urici, osteoporosi, intolleranza al glucosio, sensibilità all’alcool, resistenza glicidica, stress ossidativo, obesità genetica. La conoscenza della predisposizione genetica consente di programmare piani alimentari preventivi, capaci di ridurre al minimo lo sviluppo delle patologie legate ai geni studiati, indispensabile per chiunque voglia conoscere, gestire e vivere in modo sano la propria alimentazione senza alcun tipo di rinuncia”. Il dottor Franzero si avvale nel suo studio anche della collaborazione della dottoressa Paola Villata, dietista, coadiuvante nelle visite di controllo e nel follow up di alcuni pazienti, e di una biologa per gli esami del sangue effettuati in sede.

 

Mara Martellotta