Home » vetrina7 » “Natura in movimento” alla Venaria
La Reggia  si apre alla danza a settembre

“Natura in movimento” alla Venaria

di ilTorinese pubblicato giovedì 31 agosto 2017

La Reggia di Venaria aprirà la sua splendida cornice alla danza, in un connubio ideale di arte e natura, ospitando il 17 settembre prossimo, dalle ore 15, la sesta rassegna internazionale dal titolo “Natura in movimento”. Alle compagnie artistiche ospiti verranno richieste esibizioni specifiche, trasformate e riadattate ai bellissimi spazi che la Reggia offre e che diventano essi stessi attori e protagonisti delle creazioni, in una perfetta fusione tra la bellezza della natura e quella dell’arte. Le compagnie ospiti saranno quella francese “Leve un peu les bras”, la compagnia proveniente da Udine Arearea, protagonista delle piece Primavera e Autunno tratte dallo spettacolo delle Quattro Stagioni, il danzatore piemontese Andrea Costanzo Martini, che interverrà con il sostegno dell’ambasciata di Israele, essendo da molti anni ormai residente a Tel Aviv, e che collabora con la Batshava Dance Company della città israeliana e il Cullberg Ballet di Stoccolma. Interverranno anche la Nuova Officina della Danza di Torino con gli allievi dell’International Contemporary Dance Programme diretti da Andrea Costanzo Martini e da Elle Rothschild. Il primo e l’ultimo appuntamento della giornata saranno affidati rispettivamente alle creazioni della Primavera e dell’Autunno con la compagnia Arearea, su musiche di Vivaldi, mentre la compagnia francese “Leve un peu les bras”, alle 15.45, presenterà “With”, uno spettacolo di danza e teatro burlesque basato sui temi dell’amicizia, del cameratismo e della condivisione. Seguirà poi, sulla bellissima terrazza della Reggia, alle 16.30, l’esibizione di Andrea Costanzo Martini, dal titolo “What happened in Torino”, un lavoro concentrato sul rapporto tra il suo corpo e la sua presenza sul palco. Seguirà poi lo spettacolo dal titolo “Q2Q”, curato da Andrea Costanzo Martini e Elle Rothschild, con i danzatori della Nod International Contemporary Dance Company, una connubio tra delicatezza e forza esplosiva, fragilità e chiarezza formale. A conclusione, alle 17.30, la performance intitolata ” Autunno”, nei giardini della Reggia, dove questa stagione verrà interpretata come tempo di transizione e di passaggio tra ciò che è visibile e ciò che è invisibile.

 

Mara Martellotta

(foto L. Cozac)