Home » vetrina9 » Il Natale è un’isola che respira: ascoltate la vostra voce interiore
L’orologio scandirà la notte più magica dell’anno

Il Natale è un’isola che respira: ascoltate la vostra voce interiore

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 dicembre 2015

portici nataleTorino… il primo luogo in cui sono possibile! / di Francesca Petrone

 

 

 Le luminarie, abbaglianti e seducenti, vi ammalieranno, ma vi suggerirei di farvi condurre unicamente dalla vostra luce

 

Dicembre, da noi, è il primo mese dell’anno freddo nei fatti e caldo nelle intenzioni.

 

Ci vestiamo di lana e attendiamo il planetario momento in cui essere più inclini ai festeggiamenti, perché così vuole la tradizione, perché così ci viene riconosciuto di diritto e da calendario.

 

Per strada, capita di ascoltare voci nostalgiche – Vorrei che fosse sempre Natale –

 

Perché? – Perché tutto sembra essere più vivo –

 

La città è il caleidoscopio nelle nostre mani, dove ogni frammento colorato riflette un desiderio per l’avvenire.

 

Mi piacerebbe distrarvi dalle usanze e dai riti più pagani che spirituali e proporvi di farmi compagnia in una passeggiata sotto i portici sabaudi, non per osservare le vetrine, piuttosto spinti dall’idea di calpestare una linea immaginaria che metta in connessione tutto il Globo.

 

Sarà una fredda partenza, ma vi chiederei di spogliarvi di tutto il superfluo per tornare all’essenza.

 

Le luminarie, abbaglianti e seducenti, vi ammalieranno, ma vi suggerirei di farvi condurre unicamente dalla vostra luce.

 

Il rumore straniero di sottofondo vi incuriosirà, ma vi inviterei ad ascoltare solo la vostra voce interiore.

 

L’orologio scandirà la notte più magica dell’anno, quella del Solstizio d’inverno dove tutto in superficie, in natura, è ancora fermo, ma in profondità promettenti semi si preparano ad uscire allo scoperto.

 

L’incantesimo che rende tutto più vitale aleggia nell’atmosfera e a renderlo possibile sono le persone.

 

Il Natale siete voi, un’isola che respira, una terra emersa che ospita restituendo doni meravigliosi.

 

Inspirate ed espirate, inspirate ed espirate ancora, ancora e ancora…….