Home » LIFESTYLE » Muscoli: troppi e troppo in fretta
La volontà di raggiungere in fretta i risultati è un’esigenza delle anime meno nobili

Muscoli: troppi e troppo in fretta

di ilTorinese pubblicato giovedì 10 novembre 2016

palestraTORINO: ATTIVITA’ FISICA E SPORTIVA IN CITTA’

di Paolo Michieletto

“La nuova generazione ha fretta, vive in un’epoca tecnologica e va sempre di corsa…e adesso queste nuove macchine che si muovono autonomamente (auto-mobili) sembrano poter raggiungere anche i 30 chilometri all’ora…”. Sembra attuale ma è un brano tratto da un giornale dei primi del ‘900. Come dire, nulla di nuovo sotto il sole. Ma c’è un però…(italiano discutibile, ma efficace…).

Se da una parte la velocità ha un fascino innegabile, la volontà di raggiungere in fretta i risultati è un’esigenza delle anime meno nobili. Almeno in ambito sportivo. Infatti, tutto ciò che in poco tempo si raggiunge in altrettanto meno tempo si perde. E il mondo attuale visualizza ragazzi molto giovani sempre più “gonfi”, sempre più muscolati ma ben definiti. La televisione e i giornali esaltano virtù di prodotti che in poco tempo consentono di raggiungere risultati mai visti e spettacolari (cioè degne di essere rappresentate in uno spettacolo). E intanto i ragazzi delle palestre crescono, …, di misure, di apparente sicurezza e sfrontatezza al limite della sapienza “animale”. Sì, animale. Quando la presunta superiorità si afferma sulla propria prestanza fisica capiamo che il tempo dell’uomo delle caverne è tornato, e il più “grosso” il più forte, forse, era quello destinato ad avere la preda migliore e i servigi degli altri. Esiste una maglietta con loghi divertenti che rappresenta l’evoluzione darwiniana dell’uomo dalla scimmia all’uomo sapiens: probabilmente è destinata a continuare decrescendo con il ritorno dell’uomo “palestris farmacus”.

E’ difficile ipotizzare aspetti così definiti senza interventi esterni, ma la possibilità esiste, ancorchéculturisti raggiungibili in anni e anni di duro lavoro sportivo e sacrifici alimentari (cioè rendere sacro il momento di colazioni, pranzi e cene). Il dubbio mi assale quando chi si presenta di fronte non pratica sport agonistico, non ha gare, non muove null’altro che pochi pesi e si vanta di fare poco e apparire in “cotal guisa” per grazia ricevuta.

In altre epoche a tali affermazioni seguivano “pece e piume”, ma si sa i tempi dei ciarlatani sono finiti da lungi… e la libertà di parola sui social ha reso tutti scrittori degni di Voltaire e Carducci… (sempre che qualcuno di loro li conosca). E allora cosa dire se non … fate attenzione!

A chi legge e si muove nel variegato mondo dello sport del fitness suggerisco un attento esame dell’interlocutore, attraverso alcune semplici domande: presidente della repubblica italiana? Ultimi tre libri letti? Il referendum prossimo di cosa parla? Attività sportiva praticata, a quale livello e a che età hai smesso? Probabilmente a tre su quattro non sapranno rispondere e ad una non credete che alla metà della metà (come diceva un antico saggio) e poi ancora un pochino meno… .

A chi pratica sport del fitness in questo modo…non posso dire nulla: non solo non leggerà queste righe, ma se anche capitasse, non capirebbe che le ho scritte per lui e per lei, affinché il suo domani possa essere pieno di salute, reale e non gonfiata.

 

Paolo Michieletto

michieletto-2

 

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE