Home » prima pagina » Murazzi, carabinieri spintonati per difendere i venditori di birra abusivi. La sindaca: “Inciviltà”
"Ciascuno di noi pretende giustamente che le Istituzioni risolvano i problemi ma ci dev’essere chiaro che la differenza la fanno i comportamenti di ognuno"

Murazzi, carabinieri spintonati per difendere i venditori di birra abusivi. La sindaca: “Inciviltà”

di ilTorinese pubblicato domenica 18 giugno 2017

Se i carabinieri vengono accerchiati da una cinquantina di giovani che tentano di impedire i controlli a due venditori abusivi di bibite, qualcosa non funziona. E’ accaduto  la scorsa notte nella zona dei Murazzi. I venditori abusivi, due uomini di 36 e 38 anni del Bangladesh hanno chiesto aiuto ai giovani. Prima alcune ragazze hanno circondato i militari di una pattuglia, poi, all’arrivo di altri carabinieri, il gruppo è cresciuto di numero e i carabinieri sono stati spintonati, ma in pochi minuti è tornata la calma. Un po’ come quando succede che la popolazione di certi quartieri cerca di impedire alle forze dell’ordine di catturare teppisti o camorristi. La sindaca Chiara Appendino ha espresso con un lungo post su facebook la propria condanna.
“Certe volte il mondo sembra rovesciarsi completamente. – scrive la sindaca sul social –  Una Giunta lavora per adottare strumenti che possano far convivere meglio le esigenze di tutti, confrontandosi con ogni parte per mesi, poi succedono episodi come questo. Perché voglio essere molto chiara: i cittadini che, non solo non supportano, ma si rivoltano contro le Forze dell’Ordine che contrastano i venditori abusivi sono un chiaro segnale di inciviltà. Rappresentano un mondo che non è il mio, una Comunità che non è la nostra e che non può esserlo”.

Prosegue la prima cittadina: “A scanso di equivoci, comunque, ricordo che la recente ordinanza sospende unicamente la vendita di bevande alcoliche DA ASPORTO a partire dalle 20:00 e fino alle 6:00 in tutti i bar, i locali, i negozi, minimarket e i supermercati h24 nelle zone maggiormente interessate dalla movida, allo scopo di limitare la calca nelle strade e nelle piazze all’esterno dei locali. La somministrazione continua a essere consentita nei bicchieri di plastica”.

“E guardate, voglio essere chiara anche su un altro punto: ci sono giovani che hanno diritto di continuare a divertirsi, ci mancherebbe, ma ci sono anche i cittadini che hanno il diritto di riposarsi e i commercianti onesti che non devono subire concorrenza sleale. Purtroppo l’Italia è il Paese in cui spesso la legge si accetta solo quando tutela il proprio interesse particolare, ma non possiamo arrenderci ad un livello così basso. Il rispetto delle regole e delle libertà altrui è la base per una convivenza civile: su questo non è possibile transigere”, aggiunge Appendino.

Conclude la sindaca: “Ciascuno di noi pretende giustamente che le Istituzioni risolvano i problemi ma ci dev’essere chiaro che la differenza la fanno i comportamenti di ognuno di noi. Finché non ce ne renderemo conto, con senso di responsabilità, la nostra Comunità non progredirà mai. Esprimo quindi netta e ferma condanna verso episodi di inciviltà come questo e come quello della scorsa settimana in Piazza Santa Giulia, e ringrazio per il loro lavoro le Forze dell’Ordine, alle quali la Città continuerà a dare tutto il supporto necessario”.