Home » POLITICA » “MOBILITAZIONE CONTRO UNA SCELTA SBAGLIATA”
Unificazione laboratori analisi. Interviene Ruffino (Fi)

“MOBILITAZIONE CONTRO UNA SCELTA SBAGLIATA”

di ilTorinese pubblicato venerdì 16 novembre 2018
“SAITTA IN MINORANZA NELLA SUA MAGGIORANZA. CHIEDO RITIRO IMMEDIATO DELLA DELIBERA”
“L’unificazione dei laboratori di analisi compromette l’efficienza dei servizi e, di conseguenza, danneggia la comunità. Ormai questa trovata assurda piace quasi solo più all’assessore Saitta che si trova in minoranza persino nella sua maggioranza. Qui ci vuole una mobilitazione generale a livello regionale per scongiurare la riorganizzazione con l’ Hub Mauriziano, che è troppo decentrato rispetto al territorio dell’aslTO3”.  È’ il duro commento dell’on.  Daniela Ruffino di Forza Italia . La parlamentare sostiene che l’unificazione porterebbe ad “una riduzione della qualità e della possibilità, da parte dei medici e biologi di laboratorio, di comunicare direttamente con i medici di medicina generale i valori critici dei pazienti”.  Aggiunge Ruffino, che ha partecipato a Pinerolo all’assemblea sindacale UIL FPL con amministratori e dipendenti dell’asl torino 3: “nel tempo si è creata una fitta rete di comunicazione e collaborazione con il territorio, un patrimonio da non disperdere. In questo contesto, ad esempio, l’indicatore TAT ( i tempi di risposta degli esami di laboratorio) che è stato per anni un obbiettivo ambitissimo del servizio di laboratorio sarà allungato di molto”. “Inoltre – sottolinea la parlamentare – non esiste  una analisi costi -benefici che suffraghi la scelta di Saitta, tanto che paradossalmente la maggioranza del pd non sostiene la scelta del suo assessore. E come potrebbe, visto che si verificherebbe un aumento immediato dei costi ed un peggior servizio?” “Sono stati fatti investimenti  importanti  per allestire laboratori che sono eccellenze di un territorio vasto e complesso che ha subito tagli ai posti letto e razionalizzazioni pagate direttamente  dai cittadini. Oggi –  dice Ruffino – la consegna dei referti è veloce. Con 82 punti di prelievo che convergeranno sul Mauriziano mancherà una rete informatica che dialoga, con il risultato che si spenderà di più e si darà di meno. I Comuni della zona  si stanno ribellando con ordini del giorno e raccolte firme. Io sono al loro fianco contro la logica-illogica di Saitta, che è quella di depotenziare servizi che funzionano bene! Chiedo quindi all’assessore il ritiro immediato della delibera”.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE