Home » TRIBUNA » MINORANZA CIRCOSCRIZIONE 7: “CONTRO ARROGANZA PRESIDENZA E MAGGIORANZA”
schermaglie politiche

MINORANZA CIRCOSCRIZIONE 7: “CONTRO ARROGANZA PRESIDENZA E MAGGIORANZA”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 dicembre 2015

Circoscrizione_7“SE NECESSARIO PRESENTEREMO RICORSO AL TAR”

 

Riceviamo e pubblichiamo

 

I sottoscritti Consiglieri della Circoscrizione 7,  dichiarano che le procedure utilizzate dal Presidente della Circoscrizione 7, Emanuele Durante, e dal Direttore Dott. Paolo Denicolai in occasione del Consiglio del 22/12/2015 non seguono i Regolamenti. Nel Consiglio del 14/12/2015 sono state date ai Consiglieri le Delibere non vistate dalla ragioneria comunale…..la Minoranza lo ha fatto presente e si è rinviato il Consiglio Il giorno 16/12/2015 è stato riconvocato il Consiglio senza prima la convocazione della Capigruppo come prevede il Regolamento della Circoscrizione 7, la Minoranza lo ha fatto presente al Segretario Generale Penasso che ha chiamato il Direttore Denicolai e il Consiglio è stato riconvocato.

 

Nel Consiglio del 17/12/2015 sono stati presentati degli emendamenti alle delibere all’Ordine del Giorno da più gruppi politici Copia degli emendamenti ammissibili  sono stati inviati, via mail, a tutti i capigruppo il 21/12/2015 ad eccezione del Consigliere Moiso che da sempre riceve il materiale cartaceo in cartellina. Questa volta, sicuramente colpa della fretta, tutto ciò non è avvenuto. Dopo la conferenza dei capigruppo, convocata il 21/12/2015, alle ore 19.30, è stato inviato a tutti i consiglieri, via mail, il plico del Consiglio.

 

Anche questa volta il Consigliere Moiso non ha trovato il materiale cartaceo in cartellina. Nel Consiglio del 22/12/2015 è stata sollevata la questione ma è stato risposto che la volontà politica era quella di andare avanti ugualmente. Il Direttore della Circoscrizione 7 ha evidenziato di non essere al corrente della questione ma non ha ritenuto necessario interrompere il Consiglio. Nella stessa serata, si è evidenziato che la votazione degli accorpamenti degli emendamenti non poteva essere svolta con una singola votazione ma dovevano esserci un numero di votazioni pari alle parti della delibera emendata.

 

Anche questa volta, sia il Direttore che il Presidente, hanno deciso di continuare il Consiglio senza modificare il numero delle votazioni per gli emendamenti e senza verificare se la procedura utilizzata fosse corretta. Secondo noi  visto che anche ieri sera non sono stati rispettati i Regolamenti  la seduta del Consiglio del 22/12/2015 non ha validità bbiamo inviato la lettera in allegato al Segretario Generale Penasso, che oralmente ha risposto che l’Atto è valido pur essendoci delle irregolarità nel rispetto dei regolamenti e che si può fare ricorso al Tar. Ora aspettiamo una risposta scritta dal dott. Penasso e poi proseguiremo con Ricorso al Tar.

 

Francesco POERIO         F I                               Daniele MOISO                    LN

Maria Luigia ANTONACCI          FI                Alessandro CUSANNO       LN

Fabio VERSACI    M5S                            Roberto ROMANO             Udc

Patrizia ALESSI              FdI                             Massimo CALLERI            No Euro