Home » ECONOMIA E SOCIALE » Migranti, qualcosa è cambiato
Rassegnarsi ai fenomeni epocali e' da stolti e da irresponsabili

Migranti, qualcosa è cambiato

di ilTorinese pubblicato giovedì 29 giugno 2017

IL COMMENTO

di Pier Franco Quaglieni

Fino a  ieri eravamo costretti ad accogliere tutti, proprio tutti, indiscriminatamente tutti. Era un dovere morale a cui in modo pressante ci richiamava il Papa e un po’ tutti i leaders politici che vedevano nei  migranti anche delle future risorse, magari per garantire le future pensioni di noi italiani. L’etica dei principi doveva prevalere sull’etica  della responsabilità che è  l’unica che possa governare gli Stati

Bobbio ha molto insistito su questa distinzione  su cui si fondano i governi degli Stati ,in particolare degli Stati laici. Tralasciando assolutamente la religione di molti migranti e i pericoli dell’islamismo terroristico  , questa distinzione è fondamentale di per se’. Da ieri il presidente della Repubblica e il ministro degli interni che ha rinunciato ad un viaggio negli USA ed è tornato subito a Roma, hanno dichiarato che gli sbarchi sono ormai intollerabili e che l’Europa deve intervenire. Si  e’ mossa anche la ministra della Difesa.  Cosa e’ successo ?  Che gli sbarchi sono raddoppiati e che navi cariche di migranti ,battenti bandiera straniera, su iniziativa di alcune ONG , si recano ormai sistematicamente  a depositare migranti e profughi, indifferentemente, nei porti italiani che il governo ha minacciato di chiudere.

***

L’Europa quasi subito ha promesso stanziamenti economici, ma si è rifiutata di aprire le frontiere degli stati nazionali che la costituiscono. Macron segue la stessa chiusura di Hollande e Ventimiglia sta scoppiando. Appare a tutti ormai  assurdo fare dell’Italia un territorio che, non riuscendo più a prendersi carico di queste persone, rischia di collassare. A parte che ci sarebbe molto da dire sul tipo di accoglienza e sulle cooperative sociali che speculano su questo dramma di cui solo gli sciocchi in malafede possono continuare a dire che debba essere l’Italia a farsi carico. Ieri sera ho partecipato ad incontro qualificato dei soci di un circolo importante di Torino : erano tutti angosciati per la situazione  di fronte a cui ci troviamo. Non si tratta di costruire muri, si tratta di banale buon senso. E anche di rispettare la nostra Italia che è stata devastata per secoli da dominatori stranieri.

***

Le migrazioni, definite epocali, non può affrontarle l’Italia da sola, un’Italia in piena crisi economica e che ha  milioni di giovani senza lavoro. Rassegnarsi ai fenomeni epocali e’ da stolti e da irresponsabili.  Il nostro non è un discorso leghista che nella sua xenofobia, rifiuteremmo. E’ un discorso che oggi la stragrande maggioranza degli italiani condivide. Sarebbe stato il caso di porre un argine al buonismo privo di senso della storia,già tanto tempo fa. Non è stato fatto. Anzi, abbiamo dato ascolto ai cattivi maestri e ai commentatori televisivi che lucrano milioni, sparando le loro superficialità ,considerate come espressione di civiltà .  Occorre che tutti aprano finalmente gli occhi e che il Governo faccia il governo. Lo sfilacciamento attuale può essere letale per una classe politica inadeguata , ma soprattutto per l’Italia che per noi è Patria e non paese.