Home » ECONOMIA E SOCIALE » Migranti e dintorni, il mondo cambia: la destra per gli operai e i comunisti per il mercato
Cose del XXI secolo

Migranti e dintorni, il mondo cambia: la destra per gli operai e i comunisti per il mercato

di ilTorinese pubblicato lunedì 23 gennaio 2017

profughi 2STORIE DI CITTA’

di Patrizio Tosetto

l Presidente Silvio Berlusconi si complimenta con Marco Minniti per i provvedimenti legislativi.  In particolare per i lavori socialmente utili fatti dai rifugiati in attesa di permesso. Vietato stupirsi. Del resto, anche nel mondo le cose rapidamente cambiano. Il nuovo presidente degli Stati Uniti per difendere gli operai Usa è contro la globalizzazione e il presidente comunista cinese vuole la globalizzazione selvaggia per continuare ad esportare. La destra per la classe operaia ed i compagni  per il libero mercato.berlusconi

Cose del XXI secolo. Ma torniamo alle nostre piccole vicende, che per noi poi non sono così tanto piccole. Udite udite udite:  chi è venuto qui si deve rendere utile per l’ Italia. Sapeste quante critiche abbiamo ricevuto quando sulle pagine di questo giornale ci scandalizzavamo perché denunciavamo l’ profughi-monteuassurdo di  non poterli far lavorare.

Se uno era in galera poteva essere assunto da una coop sociale e lavorare.  Scontata la pena era clandestino  e doveva essere licenziato.  Ora, se ho capito bene la palla passa ai sindaci che dovrebbero….anzi devono coordinare tutto indirizzando i migranti  ai lavori socialmente utili.  Dunque, cara Sindaca Chiara  Appendino, tra un po’ tocca anche  a te. Poi essendoci la Città  Metropolitana o le ricostituite Province, serve un coordinamento tra le municipalità.

bandiera-usaOvviamente speriamo che la burocrazia non la faccia da padrone e ci rimane la convinzione che il lavoro non manchi.  Assistenza agli anziani e pulizia dei parchi per fare un esempio.

E voi, novelli rivoluzionari ed antagonisti: gli extracomunitari non sono il vostro nuovo soggetto Profughirivoluzionario depositario dell’azione per sovvertire il sistema.  Speriamo che burocrazia ed “alternativi” non si alleino per non far funzionare le cose.

Positività? Una su tutte: combattere l’inedia che prende chi non fa nulla.  La smetteranno quelli che sostengono che con i profughi si buttano solo via i soldi.  Subito il decreto attuativo e confidiamo nei nostri sindaci.  Ultima cosa.  Sapete il perché del giudizio del Berlusca? Semplice: anche nel nostro Paese, ogni tanto vince il buon senso. Che non ha colore politico.

Patrizio Tosetto

tosetto