Home » prima pagina » Metrò Linea 2, Fassino chiama a rapporto i privati
COINVOLGERE LE GRANDI IMPRESE PER RACCOGLIERE RISORSE CON IL PROJECT FINANCING

Metrò Linea 2, Fassino chiama a rapporto i privati

di ilTorinese pubblicato lunedì 1 settembre 2014

metro 21metro 2metro scioperoUna volta che la nuova metropolitana sarà operativa, le imprese e i finanziatori che l’avranno realizzata saranno coinvolti nella gestione e potranno usufruire degli introiti che ne deriveranno

 

Il prossimo anno dovrebbero arrivare in città i 60 milioni di euro che il Governo ha destinato alla realizzazione della Linea 2 del Metrò. Risorse che serviranno per ralizzare i progetti  per l’avvio dell’opera. Poi, si tratterà di incominciare sul serio i lavori. Come reperire le risorse necessarie alla costruzione? Nel vertice in programma a Palazzo Civico nelle prossime ore si parlerà anche di questo.

 

Il sindaco Piero Fassino ha annunciato che sarà auspicabile, oltre che indispensabile, il coinvolgimento di realtà private. Le casse pubbliche sono allo stremo e sarebbe impossibile ipotizzare la realizzazione di una simile opera senza il coinvolgimento di grandi aziende. Una volta che la nuova metropolitana sarà operativa, le imprese e i finanziatori che l’avranno realizzata saranno coinvolti nella gestione e potranno usufruire degli introiti che ne deriveranno.

 

Il modello da seguire, insomma, è quello milanese del project financing: per costruire la Linea 5 della Metropolitana sono state chiamate le più importanti imprese specializzate nella realizzazione di grandi opere. I costruttori torinesi giudicano positivo il coinvolgimento dei privati, ma attendono di sapere dal Comune quali saranno le modalità di  finanziamento.

 

La speranza del sindaco è che, comunque, da Roma possano giungere anche altre risorse da destinare alla metropolitana. Il caso milanese ha visto i privati coinvolti nel finanziamento del 40% dell’opera, ma per il resto erano risorse pubbliche.

 

(Foto: il Torinese)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE