Home » prima pagina » Messaggio chiaro a Chiara da Chiamparino: Tav e Città della Salute non si toccano
UNIONE INDUSTRIALE E REGIONE SI AUGURANO CHE LA NUOVA AMMINISTRAZIONE COMUNALE NON BLOCCHI L'ITER DELLE GRANDI OPERE

Messaggio chiaro a Chiara da Chiamparino: Tav e Città della Salute non si toccano

di ilTorinese pubblicato lunedì 27 giugno 2016

Il presidente della Giunta regionale e quello dell’associazione degli imprenditori confidano nel dialogo con la neo sindaca

chiamp consiglioDopo le dichiarazioni della neo sindaca Chiara Appenndino all’indomani dell’elezione alla poltronissima di Palazzo Civico – parole tiepide sulla Tav e sulla Città della Salute – il dibattito si scalda. Interviene il presidente della Regione, Sergio Chiamparino: “per la Città della Salute abbiamo un progetto con un finanziamento di 250 milioni e pensiamo di aggiungerne altri con i fondi di coesione europea. L’auspicio e’ che sia possibile organizzare un tavolo con la Città di Torino, mi auguro non ci siano ripensamenti”. Continua il presidente: ” si tratta di un progetto imbastito nel 2003, se ricominciamo da zero c’è’ il rischio che non si raggiungano gli obiettivi e che gli investitori istituzionali guardino da altre parti. Io perseguo questo obiettivo con grande determinazione”, ha aggiunto Chiamparino. Gli fa eco la presidente degli industriali torinesi, Licia Mattioli: “la nuova amministrazione non arresti opere come la Tav, la metropolitana e la Città della Salute, gia’ approvate o in via di realizzazione: sarebbe un delitto bloccarle”. Mattioli ha anche ringraziato l’ex sindaco Piero Fassino “per quello che ha fatto per Torino e per le imprese, c’è sempre stata una grande collaborazione”.  “Appendino – ha aggiunto –  l’ho conosciuta, è in gamba, è un’imprenditrice prestata alla politica.  Spero che saprà rappresentare gli interessi delle imprese”.