Home » TRIBUNA » Merlo: “Militanza e politica, un connubio inscindibile”
Partiti che diventano oggetto del "capo di turno"

Merlo: “Militanza e politica, un connubio inscindibile”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 28 ottobre 2015

Con l’avvento dei “partiti personali” e dei “partiti del leader” e’ persin scontato che la militanza della politica e nella politica diventi un oggetto del passato. Ma la scomparsa definitiva della tradizionale o della recente militanza a vantaggio di una concezione della politica intesa come investimento personale o come occupazione del potere, non puo’ non avere ricadute concrete per lo stesso sistema politico italiano

 

merlo giorgioLa profonda trasformazione dei partiti, la scomparsa delle tradizionali sezioni dove la politica era confronto e scontro, il superamento di ogni forma di formazione e preparazione della futura classe dirigente, ripropongono anche un tema che apparentemente e’ antico ma che, al contrario, conserva tutta la sua modernita’: e cioe’, il tramonto della cosiddetta “militanza politica”. Intendiamoci, nessuno vuole riproporre nell’attuale contesto politico italiano quella militanza che era funzionale a partiti che erano soggetti strutturati, radicati nella societa’ e con un contatto frequente, se non quotidiano, con il proprio elettorato e con l’intera opinione pubblica. Partiti del genere richiedevano una presenza di uomini e donne che dovevano veicolare il “messaggio” e il “progetto” politico del partito nei territori e nei gangli vitali della societa’ in modo continuativo e permanente. Con l’avvento dei “partiti personali” e dei “partiti del leader” e’ persin scontato che la militanza della politica e nella politica diventi un oggetto del passato. Ma la scomparsa definitiva della tradizionale o della recente militanza a montecitorio 2vantaggio di una concezione della politica intesa come investimento personale o come occupazione del potere, non puo’ non avere ricadute concrete per lo stesso sistema politico italiano. Certo, non ci sono rimedi del passato alla concreta situazione del presente. Ma un fatto e’ indubbio: senza il recupero di una concezione popolare, partecipativa e democratica della politica difficilmente si riuscira’ a conservare una politica credibile, trasparente e autentica. Non tutto quello che proviene dal passato dev’essere archiviato o definitivamente gettato alle ortiche. Partiti che diventano oggetto del “capo di turno” o docili strumenti elettorali funzionali alla volonta’ del leader, non possono che ridursi a soggetti privi di personalita’ politica e sostanzialmente estranei ad ogni cultura politica che dovrebbe, invece, sempre ispirare e orientare la stessa presenza dei partiti. Perche’, alla fine, tutto si tiene. E senza il recupero, seppur in forma aggiornata e adeguata alla stagione contemporanea, di una militanza disinteressata e trasparente, sara’ la stessa politica ad uscirne sconfitta ed umiliata. Almeno quella politica che non si riduce e non vuol ridursi solo a potere, carriera personale e spregiudicatezza cinica ed immorale.

 

Giorgio Merlo

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE