Home » CULTURA E SPETTACOLI » “Mediterraneo Interiore”, foto ma non solo
IL LIBRO

“Mediterraneo Interiore”, foto ma non solo

di ilTorinese pubblicato lunedì 16 marzo 2015

mediterraneo libro

E’ il quinto volume di una collana il cui fil rouge è l’ospitalità di charme nel bel paese e permette di scoprire 25 hotel sparpagliati per tutto l’italico stivale. Sono lontani dalle solite rotte turistiche, offrono un’ospitalità raffinata, sospesa tra sapiente recupero del passato e grande eleganza

 

A prima vista “Mediterraneo Interiore” (edizioni Adarte) può sembrare il solito bellissimo libro fotografico…..poi si rivela essere molto di più. Scorrendo le splendide immagini del fotografo torinese Adriano Bacchella, corredate dai testi di Franco Faggiani, scoprirete di avere tra le mani una guida preziosa (tutt’altro che la semplice guida turistica) per soggiorni in luoghi di sogno immersi nella campagna italiana.

 

E’ il quinto volume di una collana il cui fil rouge è l’ospitalità di charme nel bel paese e permette di scoprire 25 hotel sparpagliati per tutto l’italico stivale. Sono lontani dalle solite rotte turistiche, offrono un’ospitalità raffinata, sospesa tra sapiente recupero del passato e grande eleganza, tutto con contorno di ottima cucina e prodotti enogastronomici a km zero, spesso coltivati nelle stesse tenute in cui si soggiorna.

 

Così, dopo “Masserie” (dedicato ad antiche strutture riportate a nuova vita nella campagna pugliese), “Divino abitare” (focalizzato su quelle di Langhe, Monferrato e Roero), e i due volumi di “Camera con vigna” (alla scoperta delle aziende italiane produttrici di vini pregiati con corollario di ospitalità ad alto tasso di fascino), ora Bacchella ha scoperto un meraviglioso Mediterraneo interiore.

Tanti luoghi inviolati (dal becero turismo e dall’annesso abusivismo edilizio) immersi nelle campagne, e più o meno distanti dal mare. Ha cercato nicchie di fascino con paesaggi mozzafiato, echi della storia tra le mura e glamour a piene mani. Insomma il lifestyle che fa dell’Italia un paese unico.  Ed ecco che, da nord a sud, la campagna italiana si scopre ricca di luoghi in cui coraggio, passione e intraprendenza dei singoli imprenditori hanno ristrutturato abbazie, castelli, conventi, frantoi e masserie, li hanno trasformati in hotel di grande charme, aprendoli a nuova vita. Dal Piemonte alla Toscana, dall’Abruzzo alla Puglia, 25 Resort sono i protagonisti del libro, al quale Bacchella  prevede di dare seguito con un volume 2.

 

Intanto, sfogliando queste pagine, le mete sono tutte favolose, scegliere non è per niente facile. Si parte dal casale seicentesco Capannelle alle porte del Chianti, poi c’è l’eleganza di piccoli borghi come Casa San Ruffino nelle Marche; si entra in castelli, come quello di Tagliolo nel Monferrato, da 5 secoli abitato dalla stessa famiglia che lo condivide con gli ospiti, o nell’antico feudo della Commenda di San Calogero nella Sicilia orientale.  Ci sono eleganti Wine Resort come quello toscano dei Conti di San Bonifacio o il lombardo Prime Alture; masserie-borghi come Lama di Luna, condotta secondo i principi della bioarchitettura e tra le prime aziende pugliesi ad esportare il loro vino in America.

 

Tra le altre storiche aziende agricole, diventate hotel di lusso, ci sono Mandranova, nella Sicilia che rimanda al “Gattopardo”; il Relais della Villa Rossi Danieli a Viterbo; Villa Le Barone nel cuore del Chianti.  Ma il fascino continua e si snoda tra mulini del 500 diventati luoghi di ospitalità come la veneta Locanda Rosa Rosae e oasi da sogno, come Villa dei Papiri, vicino a Siracusa, tra maioliche, palme, olivi, agrumi e fichi d’india. Ma non finisce qui……questo è solo un piccolo assaggio dei tanti magici luoghi “interiori” che Adriano Bacchella ha scoperto e fotografato.…..a voi il resto del libro.

 

Laura Goria