Home » Brevi di cronaca » Medaglie della Liberazione a Rivoli e Ivrea
A CURA DEL CONSIGLIO REGIONALE

Medaglie della Liberazione a Rivoli e Ivrea

di ilTorinese pubblicato domenica 20 novembre 2016
Domenica 20 novembre a Rivoli la cerimonia dedicata ai partigiani
partigia varallo

Dopo la prima cerimonia che si è svolta a Torino il 13 novembre, più di 100 persone di 33 comuni della provincia di Torino e della Val di Susa (tra partigiani, ex internati nei lager, militari e familiari dei deceduti), hanno ricevuto domenica 20 novembre nel palazzo del Comune di Rivoli (To) la Medaglia della Liberazione, conferita con decreto del Ministro della Difesa. L’iniziativa è stata promossa dal Comitato regionale Resistenza e Costituzione, in collaborazione con la Prefettura di Torino, alla presenza dei Sindaci dei Comuni interessati, nel 70° anniversario della Guerra di Liberazione e della Resistenza. Dopo le parole dell’inno nazionale cantate dal Coro Alpino Rivoli, il Sindaco di Rivoli ha aperto la cerimonia ricordando “il tributo reso da questa città alla lotta di Liberazione e lo sforzo con cui oggi – 70 anni dopo la Resistenza – ci impegniamo per trasmettere alle nuove generazioni la memoria di quei fatti e l’entusiasmo per gli ideali contenuti nella nostra Costituzione”. Il vicepresidente del Consiglio regionale, delegato al Comitato Resistenza, ha affermato: “Rivediamo oggi i volti segnati dal tempo di quei partigiani che hanno dedicato 20 duri mesi della loro gioventù alla Liberazione, in particolare ricordiamo Ivo Balboni che proprio ieri è mancato e tutti coloro che oggi non sono con noi. Molti comuni della Val di Susa sono stati segnati dalla lotta di Liberazione, tanti ragazzi a cui toccò in sorte un momento così difficile della Storia e anche molte donne che accudirono e salvarono vite. A tutti loro va oggi la nostra gratitudine”. Il prefetto di Torino, Renato Saccone, ha messo l’accento lo spirito di unità e collaborazione “tra Stato, Regione e Comuni che insieme hanno fortemente voluto questa cerimonia per rendere onore e ringraziare una comunità che è stata fortemente segnata dai 20 mesi della lotta di Liberazione. Dobbiamo insegnare ai giovanipartigiani Coazze quanto è stato fatto allora per seminare la democrazia che oggi tutti noi abbiamo il dovere di coltivare”.La medaglia della Liberazione, consegnata a ciascuno insieme ad un diploma di benemerenza, riproduce un dettaglio della monumentale cancellata in bronzo del mausoleo delle Fosse Ardeatine a Roma. Un capolavoro atistico in cui lavviluppo contorto degli elementi rappresenza l’orrore umano di quella tragedia.

fcalosso

Consegnate a Ivrea sabato 19 novembre le Medaglie della Liberazione

È stata l’occasione per incontrarsi e per ricevere, oltre alla Medaglia della Liberazione, anche il caloroso abbraccio della comunità piemontese e delle sue istituzioni.

Sabato 19 novembre, a Ivrea presso il Teatro Giacosa, si è infatti svolta la cerimonia pubblica – organizzata dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale e dalla Prefettura di Torino – della consegna,  che ha dato la giusta solennità al riconoscimento per la lotta e il sacrificio delle tante donne e dei tanti uomini che hanno combattuto, sofferto e rischiato la vita per conquistare le libertà e la democrazia in cui oggi tutti noi viviamo. Il sindaco di Ivrea, rivolgendosi alla platea e ai numerosi colleghi del territorio, ha ricordato come la Resistenza debba essere considerata un patrimonio di valori. Ha poi preso la parola il vicepresidente dell’Assemblea legislativa piemontese, con delega al Comitato Resistenza, che ha ripercorso diversi episodi della lotta di Liberazione accaduti nel Canavese, soffermandosi anche sulla figura di Gino Pistoni, che il 25 luglio 1944, durante un attacco tedesco delle SS nella bassa Valle del Lys, mentre gli altri partigiani fuggivano, egli si attardò a soccorrere un soldato tedesco ferito a Tour d’Héréraz, venendo colpito da una scheggia di mortaio, che gli recise l’arteria femorale. Restò nella più completa solitudine a dissanguarsi e a consumare la sua agonia, compiendo con le residue capacità, prima di spirare, unpartigia vero atto di fede: con le dita intrise di sangue, scrisse sulla tela del tascapane un messaggio-testamento rimasto unico nella storia della Resistenza “Offro la mia vita per l’Azione Cattolica e per l’Italia, W Cristo Re”. Ha poi concluso il suo intervento facendo cenno alle parole di Franklin Delano Roosvelt, presidente degli Stati Uniti: “Se i frutti delle libertà e delle libertà civili sono poco vivi in certi Paesi, nel nostro devono essere più splendenti. Se altri Paesi censurano le libertà altrui, nel nostro dobbiamo rafforzare gli sforzi per renderci liberi, se in altri Paesi la libertà viene oltraggiata, noi dobbiamo costituire un posto sicuro nel quale essa viene tenuta viva”. Prima dell’inizio della consegna, è ancora intervenuto il prefetto di Torino Renato Saccone, che ha spiegato che le medaglie sono state volute dal Ministero della Difesa, poi ratificate dal Parlamento, in occasione del 70° anniversario della Guerra di Liberazione con lo scopo di riconoscere l’impegno e il sacrificio di quanti si batterono per affermare i principi di libertà e indipendenza sui quali si fonda la Repubblica.

mbocchio

 L’ultimo appuntamento per la consegna delle Medaglie della Liberazione si terrà domenica 27 novembre al Teatro Sociale di Pinerolo.

www.cr.piemonte.it

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE