Home » POLITICA » Matteo e Sergio, questa è la sfida
VERSO LE REGIONALI IN PIEMONTE

Matteo e Sergio, questa è la sfida

di ilTorinese pubblicato mercoledì 27 febbraio 2019
Niente da fare per gli avversari politici di Matteo Salvini.  Almeno per ora non ne sta sbagliando una. In Sardegna ha incassato un’altra vittoria, il  suo candidato ha stravinto.  Persino il Berlusca ammette che da questo punto in avanti è lui che guida il centrodestra. Gli exit poll avevano illuso su un testa a testa tra Salinas e Zedda.  In questo caso il dato politico sarebbe stato ben diverso. Ma tant’è, non essendo cosi si pensa a come andranno le altre elezioni. Solo Giggino continua a recitare la parte dell’ ilare. Palese che non ci crede neanche Lui. Oramai mi sembra quell’ attore comico del film muti, Ridolini. Teneramente antistorico, che viveva solo in una gag. Dalla Sardegna l’inconfutabile declino pentastellato. Nubi si abbassano sul reddito di cittadinanza in alto mare organizzativamente parlando:  non sanno nemmeno come scegliere i famosi tutor.  Matteo Salvini dopo 18 ore di sonno per ritemprarsi eccolo di nuovo in pista.  Quasi sicuramente prenderà dei ricostituente. Fin tanto che galoppa anche la Lega galoppa.  E se ne inventa una al giorno. Ora mi sa che toccherà al Piemonte. E magari dopo solo Emilia e Toscana saranno di centrosinistra.  Forse, appunto. Zedda ad un’ incollatura era un Pd che passava da 40 di febbre a 38 e mezzo, ma non è stato cosi.  Chi encomiabilmente non molla è il nostro Chiampa.
.
E le madamin pasionarie sono state arruolate a pieno rotolo nelle sue truppe. Sicuramente in Piemonte la vicenda della Tav peserà molto di più che altrove. Anzi, sicuramente non ha fin ora pesato nelle elezioni  fatte. Mi sa che qualche emissario il Matteo oramai nazionale l’ha mandato per confortare gli ambienti industriali, confindustriali e professionali del Nord Italia.  Tra un po’ liquidera’ la pratica 5 stelle. Su una cosa cosa ha le idee chiare. Comanda lui su tutti. Nel mentre coerenti con se stessi l’Appendino e la sua maggioranza non parlano più la stessa lingua. Hanno fatto poco o nulla ma almeno si sono divisi. Il peggio del peggio. Così la commissione del Ministro Toninelli è una farsa. Spesi dei soldi per nulla. E la sinistra pentastellata capeggiata da Laura Castelli ed Appendino vota contro l’autorizzazione a procedere verso il Ministro dell Interno. La stessa sinistra  che mette in difficoltà la Sindachessa. Confusione su confusione e nel mentre il centro storico della nostra città verrà chiuso alle auto fino alle 19,30. Si potrà accedere con la modica cifra di 5 euro. Tempismo elettorale e commercianti imbufaliti. Almeno in Piemonte è oramai chiaro: lo scontro elettorale sarà tra il Chiampa e il candidato del centrodestra, ma non è ancora  sicura la candidatura di Cirio inviso al Capitano che non gli perdona l’ aver lasciato anni fa la Lega Nord.  E sarà uno scontro all’ultimo voto tra Sergio Chiamparino e Matteo Salvini.  
.
Siatene certi che il Capitano passerà la maggior parte del tempo in Piemonte e comunque per lui non è un problema schizzare da un punto all’altro dell Italia con qualche capatina all’estero. Qualche pennichella tra un discorso e l altro ed il gioco é fatto, tanto il Ministero dell’Interno va avanti da solo, aspettando la prossima nave di  disperati dal’ Africa . Un cacio sui maccheroni per i sovranisti. Intanto addirittura una lista capitanata da Pizzarotti sindaco di Parma con Monica Cerutti assessore testa di lista. Lei ha oramai lasciato sinistra sbrindellata già ai tempi della lista Passoni. Passoni che si è beccato del filo-Pd. Anzi d essere un agente segreto del Pd in missione segreta nella sinistra ( vera ) per confondere. Ma questi  rifondaroli se non giocano allo scasso non sono contenti. Poi  loro sono storicamente contro la Tav e negli ultimi dieci  anni si trovano meglio con gli anarcoidi che con il sistema dei partiti o perlomeno di ciò che ne è rimasto (poco). Dunque uno scontro ad alto livello tra il Chiampa e il  Matteo Nazionale. Lo spettacolo pirotecnico, politicamente parlando è assicurato.  Nei sondaggi  l’attuale presidente regionale recupera.  Qui parte da un gap di oltre 12 punti e la missione è difficile ma non impossibile.  
.
Ma  il consenso è mutevole. Ieri tra centro destra e grillini che si si stanno sciogliendo come neve al sole. Persino Beppe Grillo ha conosciuto l’ ebrezza delle contestazioni ed è fuggito alle impertinenti domande dei giornalisti. Oggi è ritornato il tradizionale scontro tra centro destra e centro sinistra dove, palesemente, il vento in poppa ce l’ha il primo a guida leghista.  Anzi più precisamente a guida Matteo Salvini.  Poi quelli del Pd che chiedono ancora un po’ di tempo. Il 3 di marzo si saprà chi sarà il segretario. Zingaretti.  Almeno una faccia decisamente simpatica che  non parla e non vuole sentire di autosufficienza del Pd. E in questo le elezioni sarde avrebbero potuto rappresentare una positiva lezione per tutta la sinistra sbrindellata ancora pervasa dalla sindrome dei capponi di Renzo di manzoniana memoria. Tutti ma proprio tutti dicono di essere contenti dell’esperimento del Chiampa. Da 50 anni in politica non è un pivello.  Il Chiampa iscittosi al Pd poco prima di essere candidato al primo giro in Regione e  che ora punta tutto sulle liste civiche, le madamine e Pizzarotti. Ma anche Matteo Salvini non è un pivello. E ad oggi impersonifica la trilogia segretario politico –  Ministro dell’Interno – leader politico europeo.  Anche per questo la Tav si farà con il voto favorevole dei grillini che sono abbarbicati alla loro sedia. Anche loro tengono famiglia.
.
Patrizio Tosetto
(foto: il Torinese)
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE