Home » TRIBUNA » Marrone (FdI): “Una fiaccolata al Moi contro la violenza a Federica”
DOPO LO STUPRO ALLA RAGAZZA DISABILE

Marrone (FdI): “Una fiaccolata al Moi contro la violenza a Federica”

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 giugno 2015

moi scontri1marrone“Da base di spaccio e arene di accoltellamenti queste palazzine sono diventate il teatro di due giorni di sevizie ai danni di una giovane di Mirafiori”

 

<<Belve schifose, degne solo della castrazione, ecco cosa sono! Complimenti al PD che ha messo la faccia per difendere gli immigrati che occupano le palazzine olimpiche dell’ex MOI dal sequestro già stabilito dalla Magistratura mesi fa, concedendo loro una residenza illegittima a Torino! Su questi buonisti ricade la responsabilità di questo dramma, avvenuto non a caso in un pezzo di quartiere trasformato in ghetto terra di nessuno da immigrati, centri sociali e dai loro compagni nelle istituzioni che hanno immobilizzato tutto nonostante le nostre petizioni, i cortei e le votazioni in Consiglio comunale.

 

Da base di spaccio e arene di accoltellamenti queste palazzine sono diventate il teatro di due giorni di sevizie ai danni di una ragazza disabile di Mirafiori, certamente alle figlie dei progressisti che abitano in centro non succede nulla di simile, ma la pazienza delle periferie è finita!>> attacca Maurizio Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale in Comune di Torino e in Regione Piemonte, commentando il brillante arresto eseguito dalla polizia dei tre immigrati che hanno sequestrato e violentato per due giorni una ragazza disabile di Mirafiori nelle palazzine occupate dell’ex MOI, che annuncia: <<venerdì  sera lancio insieme al Comitato “Lingotto è Italia” una fiaccolata già autorizzata di solidarietà e vicinanza a Federica, aperta a tutta la cittadinanza indignata, che partirà da piazza Galimberti e punterà dritto alle palazzine olimpiche dell’ex MOI … Meglio che prima la Prefettura applichi lo sgombero in esecuzione del sequestro oppure che gli immigrati occupanti se ne vadano spontaneamente … l’impunità di questi stranieri finisce qua>>.