Home » prima pagina » Marchionne – Colombo smentisce la fuga da Torino: “siamo italiani”
IL SOGNO: SBARCARE A WALL STREET IL GIORNO DELLA SCOPERTA DELL'AMERICA

Marchionne – Colombo smentisce la fuga da Torino: “siamo italiani”

di ilTorinese pubblicato domenica 7 settembre 2014

sergio_marchionnefiat cancello logoGiorgio Airaudo: “Tre cose fatte da Marchionne per l’Italia: usare la cassa integrazione, non fare gli investimenti annunciati, chiudere gli stabilimenti”

 

Quasi commovente. “Siamo fondamentalmente italiani. Abbiamo una storia secolare che è importante proteggere. Su questa eccellenza abbiamo centrato la nostra strategia di valorizzare il nostro alto di gamma coi marchi Alfa e Maserati”. L’ad di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, ha parlato così nella sua relazione al worshop Ambrosetti di Cernobbio. Il manager ha anche sottolineato  come l’italianità di Fiat sia reputata un valore aggiunto dagli osservatori e dai mercati esteri.

 

Intanto, però, il Lingotto guarda sempre più agli Usa. Sarà forse un sogno di grandezza ma Marchionne spera di poter sbarcare alla Borsa di Wall Street proprio il 13 ottobre, giorno in cui Cristoforo Colombo scoprì l’America. “Sarebbe proprio una bella dea – ha dichiarato – sbarcare in America lo stesso giorno che è arrivato lui. Anche se tecnicamente è il giorno dopo”.

 

A gelare il suo entusiasmo è Giorgio Airaudo, responsabile nazionale del lavoro di Sinistra Ecologia Libertà, attraverso Twitter: “Tre cose fatte da Marchionne per l’Italia: usare la cassa integrazione, non fare gli investimenti annunciati, chiudere gli stabilimenti”.