Home » prima pagina » Manifattura piemontese in crescita
La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo ha diffuso i dati sugli 11 distretti

Manifattura piemontese in crescita

di ilTorinese pubblicato mercoledì 17 ottobre 2018

L’apertura d’anno segna una leggera crescita per i distretti piemontesi, che nel primo semestre 2018 hanno registrato esportazioni in aumento del 3,1%. L’andamento è superiore rispetto sia alla media dei distretti italiani nello stesso periodo (+2,8%), che al manifatturiero piemontese (+0,6%). Il risultato positivo del semestre è dovuto principalmente alle buone performance conseguite nei primi tre mesi dell’anno, mentre, concentrandosi sul solo secondo trimestre 2018, risulta evidente la lieve flessione delle esportazioni dei distretti piemontesi, diminuite dello 0,7% (- 16 milioni di euro), dato su cui ha pesato molto il calo di export dell’Oreficeria di Valenza. La Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo ha diffuso  i dati sugli 11 distretti del Piemonte. Le prospettive per la seconda parte dell’anno restano comunque favorevoli per i distretti piemontesi, pur in un quadro di rallentamento del commercio mondiale e di elevata incertezza legata alle tensioni geo-politiche presenti sui mercati internazionali. Cristina Balbo, direttore regionale Piemonte Valle d’Aosta e Liguria Intesa Sanpaolo, commenta: «Il Piemonte conferma la propria vocazione all’esportazione, sostenuta anche grazie alle molte eccellenze distrettuali. Nei primi sei mesi dell’anno, nonostante un contesto complicato e pur in presenza di qualche fisiologico assestamento, l’export dei distretti piemontesi è, complessivamente, in territorio positivo. Sei distretti, sugli undici tradizionali, hanno registrato esportazioni in aumento. Anche per la seconda parte dell’anno, le prospettive sono favorevoli. In questi anni, investimenti, innovazione e proiezione internazionale hanno fatto la differenza nello sviluppo delle nostre imprese. Per questo, Intesa Sanpaolo punta a consolidare il proprio ruolo di partner del mondo produttivo, certamente attraverso il credito, ma anche con iniziative volte a rafforzare la capitalizzazione delle aziende, l’innovazione, l’internazionalizzazione”

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE