Home » LIFESTYLE » L’ultima se ne va: addio a Rosilda Fanolla
CONTROCORRENTE

L’ultima se ne va: addio a Rosilda Fanolla

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 giugno 2015

donne rsi

ruliAUGUSTA TAURINORUM / di Augusta Montaruli

 

A Torino si spegne l’ultima donna “repubblichina”: L’ultima se ne va e soccombe all’anzianità e alla malattia, non all’avversario, non alla storia, non all’oppositore interno, non all’imperfetta giustizia umana

 

Per le pagine della storia ufficiale lei è una che ha combattuto  dalla parte sbagliata, il nemico su cui costruire un’ideologia, una vinta. Per lei non ci saranno commemorazioni pompose, lutti cittadini, la corsa all’onorificenza patacca come omaggio della Città. Non ci sarà alcuna via intitolata proprio a lei che da sempre raccoglieva firme per una targa in memoria della sua amica Marilena, sedicenne trucidata al rondo’ della forca a guerra finita. E quella forca a cui Torino l’ha abituata forse le ha insegnato che nella vita le guerre non finiscono mai, soprattutto per chi sceglie di difendere un’idea anziché ritirarsi nei boschi. Neanche le rivalutazioni pansiane sono state sufficienti a permettere ai più di guardare con i giusti occhi le scelte delle ragazze come Rosilda: ultima donna repubblichina in un mondo da sempre dominato di primiuomini, che siano stati i suoi rapitori o quelli per cui ha dedicato una vita intera. L’ultima se ne va e soccombe all’anzianità e alla malattia, non all’avversario, non alla storia, non all’oppositore interno, non all’imperfetta giustizia umana. L’ultima se ne va chiudendo il cerchio di un mondo politico spentosi molto prima di lei ed è come in una parabola. Gli ultimi saranno i primi.