Home » prima pagina » Il nuovo look della stazione: Porta Nuova si prepara per la Sindone
INVESTITI 100 MILIONI PER I RESTAURI CHE VERRANNO ULTIMATI ENTRO UN ANNO DOPO IL FALLIMENTO DELLA DITTA INCARICATA

Il nuovo look della stazione: Porta Nuova si prepara per la Sindone

di ilTorinese pubblicato domenica 7 dicembre 2014

porta nuova atrio

porta nuova33treno p nuovaporta nuova luciEntro un mese verrà ultimato il progetto di recupero delle facciate da presentare alla Soprintendenza e a fine 2015 sarà ultimato il parcheggio sotterraneo da 250 posti auto in via Sacchi

 

I passanti e i passeggeri finalmente (ma tra un annetto)  alzando gli occhi verso la stazione non vedranno più i ponteggi. Riprenderanno all’inizio del 2015, con l’obiettivo di terminare nel 2016,  i lavori di restyling della stazione di Porta Nuova. Si sono fermati per il fallimento dell’azienda che aveva vinto la gara d’appalto. Ma l’ad di Grandi Stazioni, Paolo Gallo, assicura che nella primavera 2016 verranno ultimati i restauri delle facciate storiche. Compresa la parete ammuffita e scrostata dove è collocata la lapide del progettista della locomotiva, Stephenson: quel muro indecente è un vero insulto – come aveva sottolineato nei giorni scorsi il Torinese – nei confronti del “padre” dei treni.  

 

Entro un mese verrà ultimato il progetto di recupero delle facciate da presentare alla Soprintendenza e a fine 2015 sarà ultimato il parcheggio sotterraneo da 250 posti auto in via Sacchi. Nella stessa via che ora, proprio all’altezza della stazione è un bivacco di clochard, stanno proseguendo intanto i restauri a ritmo serrato dello storico Turin Palace Hotel. La struttura alberghiera (che in passato ospitò Maria Callas e Louis Armstrong) era ormai chiusa da alcuni anni. Diventerà un 4 stelle e aprirà in concomitanza con Expo 2015.La zona, insomma, potrà sperare di uscire dal degrado, se si considera che è in programma anche il recupero dei fatiscenti portici di via Nizza, sull’altro lato della stazione. In vista dell’occasione dell’Ostensione, le sgraziate impalcature verranno ricoperte da pannelli che riproducono le architetture nascoste dai ponteggi.

 

Del resto Grandi Stazioni ha investito già 100 milioni per la stazione: circa  60 in una prima fase, che ha ridisegnato completamente l’interno, (dove ora sono presenti la libraria Feltrinelli, negozi e bar) 20 per le opere accessorie, e altri 20 che verranno impiegati per terminare il parcheggio e le facciate. Come ha sottolineato il sindaco Fassino: “Porta Nuova resterà sempre la stazione del centro città”. Anche perchè – ameno per ora – Porta Susa sembra essere una cattedrale nel deserto.

 

(Foto: il Torinese)