Home » Sport » Longines Global Champions Tour, gli atleti del Circolo Ippico della Madonnina a Roma
Nello Stadio dei Marmi intitolato a Pietro Mennea

Longines Global Champions Tour, gli atleti del Circolo Ippico della Madonnina a Roma

di ilTorinese pubblicato martedì 26 settembre 2017

Tra giovedì 21 e domenica 24 settembre il lungo viaggio intorno al mondo del Longines Global Champions Tour è transitato a Roma per la 14esima e penultima tappa. Ad accogliere il prestigioso evento equestre è stato lo Stadio dei Marmi intitolato a Pietro Mennea, opportunamente allestito per ospitare oltre cento cavalieri e amazzoni provenienti da tutto il mondo. Una cornice semplicemente spettacolare, per le 59 statue che sovrastano le tribune e circondano il campo gara, per la sua collocazione all’interno del Foro Italico, cuore pulsante dell’attività sportiva della Città Eterna capace di evocare in ogni angolo ricordi olimpici. Protagonisti assoluti del fine settimana, trasmesso anche sul canale televisivo Eurosport, sono stati la svedese Evelina Tovek, vincitrice del Grand Prix 5*, e l’olandese Harrie Smolders, secondo nella stessa prova e, di conseguenza, matematicamente primo nella classifica assoluta del Longines Global Champions Tour.

A rappresentare Torino e il Piemonte in un simile contesto ci ha pensato – con risultati degni di nota – il Circolo Ippico della Madonnina di Vinovo, approdato a Roma con sette atleti capitanati da Jane Richard Philips, amazzone elvetica classe 1983 impegnata tra i professionisti nel Concorso Internazionale di Salto 5*. “Roma è come sempre un concorso affascinante” spiega Jane, “quest’anno ho portato in gara Calinesse De Guldenboom e Dieudonne De Guldenboom; quest’ultimo in preparazione alla stagione invernale, che mi vedrà prossimamente impegnata nella finale del Longines Global Champions Tour, a Doha, e nella tappa italiana di coppa del mondo a Verona”.

In gara nel concorso CSI 2*, dedicato a professionisti e amatori, la scuderia torinese ha invece schierato Ignace Philips, marito di Jane e portacolori del Belgio, gli azzurri Vittoria Fuser Adriano di Canto, la statunitense Sarah Rose Berg e gli svizzeri Silvano Meier Sandrine Berger. Nel Gran Premio 2* Ignace Philips e Sandrine Berger hanno conquistato rispettivamente la medaglia d’argento e di bronzo; decima invece Vittoria Fuser.

A ottenere i risultati migliori è stato Silvano Meier, sempre sul podio nelle tre gare disputate nello Small Tour. Giovedì, il trentenne cavaliere elvetico ormai torinese d’adozione ha chiuso al secondo posto; venerdì ha vinto la gara a tempo mentre domenica, nella prova conclusiva della rassegna, ha portato a casa il bronzo. “Un’esperienza indimenticabile” commenta Silvano, “mi era capitato già in altre occasioni di gareggiare in contesti di questo genere ma Roma mi ha regalato emozioni che non avevo ancora provato. Per la prima volta sono stato nell’Olimpo dello sport italiano e internazionale; spero di tornarci anche il prossimo anno”.

“L’obiettivo era offrire una buona prestazione e sono naturalmente soddisfatto per i risultati, resi ancor più belli proprio dalla cornice in cui li ho ottenuti” prosegue Silvano, “per quanto riguarda la gara mi sentivo in gran forma e l’intesa con Rapsodia in Blue (la sua cavalla ndr) è stata semplicemente perfetta”.

Archiviata la vittoria, Silvano Meier proseguirà la sua stagione partecipando a concorsi internazionali, tra cui un paio nel sud della Francia e a Verona, in occasione di Fiera Cavalli. Per quanto riguarda il Longines Global Champions Tour tornerà in gara nel prossimo anno e non prenderà quindi parte all’ultima tappa, in programma a Doha dal 9 all’11 novembre; gara a cui invece prenderà parte l’amazzone Jane Richard Philips.