Home » ECONOMIA E SOCIALE » Local Energy Community per il domani
Workshop a Restructura in programma giovedì 15 novembre. Rappresenta il nuovo paradigma possibile per il nostro futuro

Local Energy Community per il domani

di ilTorinese pubblicato mercoledì 14 novembre 2018

La nuova frontiera dell’efficienza energetica sarà un argomento centrale dell’edizione 2018 di Restructura, in programma all’Oval del Lingotto da giovedì 15 a domenica 18 novembre prossimi

A promuovere un workshop sul tema “Local Energy Community “, giovedì 15 novembre dalle 18 alle 19.30, presso la Sala Innovazione, sarà l’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, il cui coordinatore regionale per il Piemonte è l’architetto Ivano Verra, con il patrocinio di AssoESCo, Associazione Italiana delle Energy Services Company. Attraverso presentazioni e dibattiti con gli stakeholder locali presenti, si vogliono inquadrare le Local Energy Community, che costituiscono un ecosistema energeticamente efficiente in cui nasce, intorno alle necessità delle collettività locali e del territorio, una spinta alla produzione ed alla gestione autonoma delle risorse energetiche. Gli enti locali stessi partecipano alla LEC (Local Energy Community) per favorire la costituzione del soggetto, garantire consumo ed ottimizzazione per la propria quota parte di interventi e consumi, attraverso il partenariato tra pubblico e privato e lo strumento di iniziativa privata, noto come Project Financing. Nuovi paradigmi di consumo e di produzione sono incentrati sulla generazione diffusa e su sistemi intelligenti di connessione e scambio con la rete. Tutto ciò ha una profonda implicazione sul sistema energetico complessivo, con una evoluzione del business model, delle normative, delle tecnologie e della relazione tra il fornitore di servizi energetici ed il cliente, con un ruolo più attivo di quest’ultimo nella produzione, distribuzione e consumo.

***

La Local Energy Community rappresenta una comunità di utenze (private, pubbliche o miste) localizzate in una determinata area in cui gli utilizzatori finali (cittadini, imprese, Pa), progettisti, attori di mercato ed addetti alla pianificazione possono cooperare per sviluppare elevati livelli di fornitura “intelligente” di energia. Viene, quindi, ottimizzato l’utilizzo delle fonti rinnovabili dell’innovazione tecnologica, attuando l’applicazione di misure di efficienza. Si ottengono, così, tre risultati, economicità, sostenibilità e sicurezza energetica. Grazie al coordinamento di attori come la ESCo, le Local Energy Community possono investire in progetti volti a creare distretti energetici per la generazione diffusa, implementando altresi soluzioni di efficienza energetica e di riqualificazione degli edifici, con messa a norma NZEB e progettazione Smart. Così i gestori di immobili ed i cittadini diventano soggetti capaci di garantire il consumo dell’energia prodotta e di connettere autoproduzioni FER al sistema. Per il programma di ottimizzazione energetica non è sufficiente utilizzare singole tecnologie energeticamente efficienti o rinnovabili in singoli edifici o abitazioni. È necessario, invece, sviluppare un nuovo modello basato sul distretto energetico, vale a dire sulla rete che distribuisce agli edifici ed agli insediamenti “ecologici” l’energia autoprodotta, ricorrendo anche alle fonti rinnovabili. In Italia, tuttavia, non esiste un sistema “chiavi in mano” e chi voglia dotarsi di un impianto per l’autoproduzione è costretto a rivolgersi ad operatori diversi per integrare negli edifici i pannelli fotovoltaici, le apparecchiature di controllo ed i sistemi di illuminazione. Le aree mediterranee necessitano, quindi, di uno specifico modello per la generazione distribuita.

Mara Martellotta

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE