Home » CULTURA E SPETTACOLI » Lo Zanzi e il Binda. Le storie su due ruote di Piero Chiara
Breve ma intensa miscellanea dei lavori sul ciclismo dello scrittore luinese

Lo Zanzi e il Binda. Le storie su due ruote di Piero Chiara

di ilTorinese pubblicato lunedì 25 luglio 2016

chiara zanzi“Il ciclismo è la sagra degli umili, se non dei poveri, l’unica possibilità di trionfo per i giovani di paese” . E’ così che viene definito il ciclismo in uno dei sei racconti di Piero Chiara, raccolti nel libro “Lo Zanzi, il Binda e altre storie su due ruote. Scritti sul ciclismo 1969-1985”, pubblicato da Nomos Edizioni. L’agile libro, introdotto da Alberto Brambilla ( “Inseguendo Binda sulla strada di Zenna” ),  offre una breve ma intensa miscellanea dei lavori sul ciclismo dello scrittore luinese, che visse in prima persona la singolare esperienza di commentatore televisivo al Giro d’Italia del 1968. Nel libro la scelta è caduta sui testi più interessanti e curiosi, alcuni dei quali dedicati alla nascita del ciclismo e al fascino senza tempo del Giro d’Italia, la corsa su due ruote che – al seguito della “maglia rosa”  – coinvolge e appassiona larghe masse di tifosi di questo sport duro e faticoso. Con l’arcinota ironia, Chiara – tra l’altro – si chiede come “sia potuta sfuggire l’invenzione della bicicletta a Leonardo da Vinci”, cosa che si può spiegare soltanto “col carattere aristocratico dell’ingegno leonardesco, inteso alla costruzione delle grandi macchine… l’idea di un mezzo di spostamento veloce per lavoratori, contadini, fattorini e altra minuta gente, non allettò il suo cervello”.  Non lo si spiega altrimenti, visto che per il noto veicolo azionato dalla forza muscolare delle gambe si dovette attendere il 1817, anno in cui un inventore tedesco di Karlsruhe, Karl Drais,costruì il zanzi chiara2prototipo della sua laufmachine (macchina da corsa) , la Draisina ( come la ribattezzò la stampa dell’epoca, in onore del suo inventore), dalla quale derivò l’attuale bicicletta. Nelle storie di Chiara compaiono i grandi campioni del passato, da Alfredo Binda a Felice Gimondi, e anche personaggi minori ma non meno privi di fascino, come il gregario varesino Augusto Zanzi (detto “Stravaca” per la scomposta posizione in sella) che partecipò al Giro nei primi anni ’30. E’ un ciclismo epico, quello descritto, nazionalpopolare quanto il calcio al punto da  spartire col pallone tifosi e titoli, chiacchiere da bar e prime pagine. Un ciclismo dove gli sforzi e le pedalate su strade polverose e impervie finivano sulle cronache per le vittorie e i drammi, non  certo per il doping. Sul tema, in un passaggio d’intervista ad Alfredo Binda, cinque volte campione d’Italia e tre del mondo, emerge la natura “nostrana” del doping utilizzato dal ciclista di Cittiglio: le uova sodee sgusciate, “da poterle mangiare in due bocconi”. “ Era – diceva Binda – la droga di quei tempi- . – Ma il fegato? – gli domandarono. – La fatica mi volatizzava le uova una dopo l’altra, prima ancora che arrivassero al fegato”. E anche chiara3alla fine della carriera, quando arriva per i campioni e per i gregari l’ora d’appendere la bicicletta al chiodo, Piero Chiara si pose l’interessante quesito di come finisse “la gloria”. Infatti, che fine fa un campione dopo essersi ritirato dalle corse professionistiche? “Pensai allo Zanzi che si era fatto il negozio di biciclette e motorini, a Binda che aveva allevato conigli d’Angora, a Bartali che aveva dato il nome prima a una marca di lamette da barba e poi a una qualità di Chianti”.Figlio di quella terra lombarda che va da Laveno a Luino, nota come “sponda magra” del lago Maggiore, contrapposta alla “sponda grassa” piemontese, Piero Chiara si è sempre mostrato osservatore attento e appassionato alle pieghe e ai risvolti della società italiana. E quindi anche del ciclismo come fenomeno popolare e di massa. Un libro interessante e bello, “Lo Zanzi, il Binda e altre storie su due ruote”,  dove diventano protagonisti anche i gregari, quelli ignoti – come scrisse Dino Buzzati – “il cui nome mai è stato scritto dai bambini col gesso bianco, né per abbasso né per via, sui muri della periferia”. Un ciclismo d’antan, con tutte le miserie e l’umanità di uno sport dove la regola d’una volta era “acqua in bocca e pedalare”.

Marco Travaglini