Home » ECONOMIA E SOCIALE » Lo Yacht è un must, con o senza motore
All’Italia è richiesta apertura e innovazione per competere in termini di bellezza e alta tecnologia

Lo Yacht è un must, con o senza motore

di ilTorinese pubblicato lunedì 21 novembre 2016

Secondo gli esperti, il mercato si svilupperà progressivamente verso le imbarcazioni di piccola taglia. L’economia del mare italiana ha ottime prospettive in Cina, così come nei Paesi del Golfo

di Paolo Pietro Biancone *

yacht2

La nuova tendenza è senza il motore. Il mercato cinese ha segnato un nuovo must: lo yacht da mostrare a riva, come immagine di benessere e opulenza. La Cina si conferma così un formidabile giacimento di acquirenti di imbarcazioni di lusso: conta attualmente circa 3 mila imbarcazioni da diporto, soprattutto yacht di dimensioni importanti. Secondo gli esperti, il mercato si svilupperà progressivamente verso le imbarcazioni di piccola taglia. L’economia del mare italiana ha ottime prospettive in Cina, così come nei Paesi del Golfo. Con o senza motore, lo yacht si conferma uno status symbol.

La classifica dei 10 yacht più belli al mondo conferma la tendenza. Nel dettaglio, Al decimo post The Rising Sun 200 milioni di dollari: fra gli yacht più lussuosi del mondo c’è il The Rising Sun è stato di proprietà del CEO di Oracle Corporation ed è ora del famoso produttore cinematografico americano David Geffen. Un vero e proprio palazzo galleggiante, è costituito da cinque piani e dispone di 82 camere e un campo da basket.

Al nono Seven Seas 200 milioni di dollari: Uno fra gli yacht da sogno più ammirati e fotografati, il Seven Seas di Steven Spielberg è un’opera del cantiere tedesco Oceana che ha seguito le istruzioni del regista americano per renderlo il più vicino possibile ai suoi desideri. Uno yacht di lusso che comprende un eliporto, una terrazza privata solo per il proprietario, una palestra, una piscina e uno schermo cinematografico.

yacht1

All’ottavo Lady Moura: è uno yacht esclusivo che appartiene a Nasser Al-Rashid, un saudita multi-miliardario. La caratteristica che fa rientrare questa barca nella classifica dei 10 yacht più costosi ed esclusivi del mondo è che il suo nome e altri dettagli sono realizzati attraverso l’utilizzo di oro 24 carati.

Al settimo posto Al Mirqab 250 milioni di dollari: di proprietà di Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, l’ex primo ministro del Qatar, lo yacht Al Mirqab è stato progettato da Tim Heywood e fu costruito dal cantiere Peters Schiffbau Wewelsfleth. Con la capacità di accogliere 30 ospiti, questo costoso yacht dispone di 2 sale VIP, 10 suite, una piscina, un eliporto, il cinema e un solarium.

Al sesto posto, Il Dilbar è uno yacht di lusso progettato da Tim Heywood, ed è stato costruito nel 2008. Di proprietà dell’uomo d’affari russo Alisher Usmanov, è lungo circa 360.89 piedi ed è chiamato come la madre del proprietario. Primo yacht ad essere dotato di filtri antiparticolato per gli scarichi del motore principale, dispone di un eliporto ed è abbastanza grande per ospitare 47 persone di equipaggio, e 20 ospiti.

Quinto per Al Said 300 milioni di dollari, è uno degli yacht più costosi ed esclusivi del mondo, e nel 2008 quando è stato varato, era il più grande yacht del mondo. Precedentemente chiamato Project Sunflower, appartiene al sultano Qaboos bin Said Al Said dell’Oman. Dotato di un sovrastruttura in alluminio, può ospitare un equipaggio di 154 persone, e oltre a 70 ospiti.

yaacht3

Quarto per Superyacht A 323 milioni di dollari, è stato costruito da Philippe Stark, che ha voluto dare un look nuovo e di design sia agli interni che agli esterni. Di proprietà del miliardario russo Andrey Melnichenko, è stato varato nel 2009, e può ospitare 20 ospiti e 37 persone di servizio.

Sul podio, al terzo posto il Dubai 350 milioni di dollari, precedentemente noto come Platinum 525, lo yacht di lusso Dubai è di proprietà dello sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, il Primo ministro e vicepresidente degli Emirati Arabi Uniti nonché emiro di Dubai. Soprannominato “la città galleggiante”, è lungo 525 piedi, ed è dotato di numerosi servizi quali una piscina, una Spa e un eliporto.

Il secondo yacht più costoso del mondo è l’Eclipse, 800 milioni di dollari, costruito dalla società Blohm + Voss di Amburgo e di proprietà dell’imprenditore e politico russo Roman Abramovich. Lungo circa 528 piedi, dispone di un sistema di difesa e anti-intrusione altamente tecnologico, 24 camere per gli ospiti, un mini sottomarino, e due piste per gli elicotteri.

Al primo si colloca l’History Supreme, 4,8 milioni: chiamato anche Baia 100 Supreme, è lo yacht più costoso ed esclusivo del mondo, ed è di proprietà di un uomo d’affari malese il nome è sconosciuto. Pur non essendo di dimensioni eccezionali, ciò che ne determina il prezzo è che è stato costruito attraverso l’utilizzo di materiali rari e preziosi come meteoriti, ossa di dinosauro T-Rex, metalli preziosi come i 100.000 kg di platino e oro, e le pietre preziose con cui sono stati decorati il ponte, la zona pranzo e l’ancora.Il mercato del lusso è aperto a nuove invenzioni e preziosità, all’Italia è richiesta apertura e innovazione per competere in termini di bellezza e alta tecnologia, puntando all’immagine e al confort più che alle prestazioni in acqua.

°°°

 * Paolo Pietro Biancone, professore ordinario di economia aziendale, direttore del Centro Studi sulla Finanza Islamica (www.ercif.org) e coordinatore del corso di dottorato in Business e Management dell’Università di Torino