Home » CULTURA E SPETTACOLI » Lividi nelle pupille
Ulisse si salvò chiamandosi Nessuno

Lividi nelle pupille

di ilTorinese pubblicato giovedì 20 aprile 2017

LE POESIE DI ALESSIA SAVOINI

 

Balbetta il giorno in cui ebbe paura

Di presenziare a sé stesso

L’atto

Per il quale coinvolgimento avrebbe trovato posto.

 

Odora di nero il suo fumo

Ma la nube resta bianca

Vibra in assonanza l’assenza

Del giorno in cui

Con lo sguardo se n’è andato.