Home » ECONOMIA E SOCIALE » Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi
LA RUBRICA DELLA DOMENICA

Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi

di ilTorinese pubblicato domenica 10 dicembre 2017

di Pier Franco Quaglieni

Israele e Trump – De “Repubblica” ed altro – Scuole fredde, teste calde – Cuochi e chef

***

 

Israele e Trump

Il Presidente degli Usa Trump ha deciso di traferire l’ambasciata americana in Israele a Gerusalemme,un atto promesso e non mantenuto anche da altri Presidenti americani,considerando il clima perturbato in Medio Oriente. La decisione di Trump difficilmente può essere condivisa. Gettare benzina sul fuoco in questo frangente internazionale e’ quanto di peggio si possa fare.Chi scrive e’ stato sempre un fermo e costante sostenitore di Israele e del suo diritto ad esistere,ma non può condividere un gesto politico che sta creando nuove violenze e nuove tensioni. Il valore della pace e’ preminente rispetto a tutto.Ha ragione Papa Francesco che sostiene la necessità della prudenza. Oggi il mondo arabo diviso potrebbe trovare linee comuni proprio in nome della solidarietà con i Palestinesi. Gerusalemme e’ la città di tre religioni e va rispettata come città della pace e non porla come pomo di discordia. Nella politica estera americana ci vuole equilibrio e saggezza,l’idea di imitare Reagan di fronte alla Libia e’ un’idea sbagliata ,come fu un gravissimo errore quello di Obama di fronte a Gheddafi. La minaccia dell’Isis va combattuta ,dandole priorità con realismo politico e non con atti ,magari condivisibili in linea di principio,ma inopportuni in questo momento.Difendere Israele comporta un’accortezza che Trump drammaticamente non possiede.

***

De “Repubblica “ed altro

La manifestazione di estremisti di destra sotto la sede del quotidiano “La Repubblica” va condannata con fermezza perché evoca oggettivamente lo squadrismo. Il miglior modo per manifestare contro il giornale di Scalfari, Mauro e Calabresi e’ non acquistarlo in edicola. Io non lo compro mai e divido le persone tra chi si informa solo su quel quotidiano e chi non si abbevera sulle pagine di quel giornale che pure fu una grande novità del giornalismo italiano. Ma non si può neppure sostenere che i giornali non possano essere contestati con manifestazioni, specie se si tratta di giornali-partito. In ogni caso, gli stessi estremisti in questione stanno dando una mano a chi oggi vuole creare nel Paese un clima di intolleranza ,evocando i fantasmi del passato. Un pericolo fascista oggettivamente non esiste perché le sorti di una democrazia malata si giocheranno con un voto democratico nella prossima primavera .In Italia nessuno può evocare il clima della Repubblica di Weimar. La nostra e’ una Repubblica malandata e rissosa, spesso inconcludente, ma non siamo giunti a questo punto. Sia pure con un sistema elettorale che già adesso si sta rivelando poco utile a governare, si può pensare al domani. Il vero pericolo sono i 5 stelle per la loro incompetenza e impreparazione. Non scambiamo i fantasmi del passato remoto con i problemi dell’oggi.

***

Scuole fredde, teste calde

Alcune scuole torinesi sono rimaste al freddo. Gli studenti sono subito scesi in agitazione bloccando le lezioni. Sicuramente non si può svolgere un lavoro didattico proficuo al freddo. Ma trarne spunto per far casino non appare lecito. Io ricordo di aver insegnato nella mia giovinezza al liceo “Cottini” che aveva un impianto di riscaldamento inadeguato. Per quattro anni feci lezione con il cappotto e il cappello in testa. Erano gli anni del terrorismo e in quella scuola circolavano i volantini delle Br ed alcuni colleghi erano apertamente favorevoli se non contigui al terrorismo. Non ricordo che gli allievi avessero da eccepire sul riscaldamento, venivano a scuola con la giacca a vento. Forse il caldo della politica, di una certa politica sostituiva i termosifoni mal funzionanti. Quando entrai per la prima volta nel mese di novembre in quella scuola, un bidello mi chiese sorpreso perché avessi lasciato il soprabito in sala professori. Io rimasi stupito da quell’interrogativo così strano. Lui mi avverti che avrei potuto non più ritrovarlo al momento dell’uscita perché in quella scuola rubavano tutto .Dopo poco mi resi conto che il riscaldamento non funzionava e dovetti munirmi di cappotti adeguati, rifiutando io di indossare l’eskimo di tanti colleghi che nei collegi docenti volevano la votazione per alzata di mano e parlavano come piccoli agitatori politici.

***

Cuochi e chef

Anche a Torino sta montando l’idea che la cucina debba essere affidata non ai cuochi esperti, ma agli chef più o meno stellati che vanno più in tv che non ai fornelli. Oggi una parte di avventori tende ad andare al ristorante non tanto per gustare un determinato piatto, ma per vantare di aver assaggiato i virtuosismi di uno chef, per usare le parole di Roberto Robazza in un pregevole articolo uscito su “Civiltà della tavola”, mensile dell’Accademia Italiana della Cucina ,l’istituzione fondata dal grande Orio Vergani nel 1953 e che ha a Torino tanti accademici significativi, in primis Elisabetta Cocito, che ha scritto un godibilissimo articolo sul viaggio alla ricerca dei cibi genuini nella Valle del Po fatto da Mario Soldati nel 1957 alla tv . All’Accademia non ci si lascia condizionare dalle mode e si esprimono valutazioni sui locali dove si cena. Il cuoco dovrebbe essere il mezzo, osserva Robazza, per raggiungere il fine rappresentato dal buon cibo . Oggi si tende a concentrare tutto sullo chef, spesso a prescindere dal cibo offerto. Potremmo fare degli esempi anche a Torino, senza arrivare a Milano dove questa piccola perversione ha raggiunto limiti sconvolgenti . Si potrebbe infine anche parlare del rapporto davvero incredibile tra Carlin Petrini che dovrebbe rappresentare un che di popolare come fu ARCI Gola e gli chef stellati, apparentemente, solo apparentemente ,un ossimoro. All’università del gusto di Pollenzo le due realtà si incrociano e si compenetrano fino a identificarsi.

***

LETTERE   scrivere a quaglieni@gmail.com

.

Le barche della Regione

Cosa ne pensa dell’idea della Regione Piemonte e dell’idea degli assessori al turismo e all’ambiente di consentire imbarcazioni con motore affittate a chiunque per favorire il turismo ?

Leopoldo Vita

Mi sembra un’ idea sbagliata. Sul Po ,viste le dimensioni del fiume a Torino, si va a remi. Si dovrebbero invece ripristinare “Valentina” e “Valentino” per incrementare il turismo. I due battelli, come tutti ricordiamo, fecero una pessima fine e nessuno più ne parla. Lasciare a chiunque la conduzione di una barca a motore e’ da irresponsabili. Già con le barche a remi degli imbarcaderi accadevano incidenti anche mortali con annegamenti di persone. Hanno ragione i canottieri ad apporsi,loro il fiume lo vivono e lo conoscono anche nelle sue insidie.

.

L’addio alla mamma del professore

Caro professore, ho letto sull’edizione torinese del “Corriere della Sera” della scomparsa della sua mamma, davvero una grande nobildonna, semplice e modesta, vissuta oltre i cent’anni. Sincere condoglianze .

Gina Trossarelli

.

Grazie,ho ricevuto tantissime attestazioni ,in questa triste occasione anche da persone che non conoscevo .E’ stato di grande conforto sentire vicino tanti amici come lei.

***

La redazione e il direttore del “Torinese” partecipano al dolore del prof. Quaglieni per la scomparsa della cara mamma

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE