Home » Cosa succede in città » Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi
LA RUBRICA DELLA DOMENICA

Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi

di ilTorinese pubblicato domenica 20 agosto 2017


di Pier Franco Quaglieni

.

 G7, a Torino i problemi – Luciano Violante e l’immigrazione – I migranti protestano – Bentivoglio non conosce l’8 settembre – Giannone chi era costui ? 

***

G7, a Torino i problemi
E allora per il summit di settembre sembra che a Torino restino solo i contestatori,le delegazioni internazionali si riuniranno a Venaria Reale e albergheranno in Canavese.Non ci sembra un bel risultato e non ci sembra tranquillizzante.Cosa farà Torino per difendersi dai violenti? E’ una domanda che è lecito porre. E perché si consentiranno le manifestazioni contrarie proprio a Torino? Si capiscono le ragioni che portano a tenere lontane da Venaria i contestatori,ma diventa difficile accettare che la zona urbana di Torino possa essere lasciata a disposizione di gente che ,dove arriva ,tende a distruggere e saccheggiare. Forse gli spazi andranno ripensati per difendere Torino ,senza paralizzarla per alcuni giorni. Il buon senso lo imporrebbe.

***

Luciano Violante e l’immigrazione 
 Luciano Violante che venne dileggiato per il caso di Edgardo Sogno(ci fu chi lo definì un participio presente ) è persona molto diversa da come lo definì Cossiga e da come, una volta, lo liquidò Lucio Libertini che mi disse che, con lui ministro degli interni, si sarebbe rifugiato all’estero. L’estremismo di destra si accanì contro di lui in modo volgare,dimenticando che l’ultima intervista rilasciata da Sogno ad Aldo Cazzullo riaprì totalmente il discorso relativa alla sua innocenza in merito al cosiddetto Golpe bianco.  Come presidente della Camera  Violante dimostrò un raro equilibrio istituzionale e contribuì a svelenire il clima di odio attorno ai temi della guerra civile. Come presidente del gruppo DS a Montecitorio fu tra i padri del Giorno del ricordo delle foibe e dell’esodo il 10 febbraio. Ebbi il piacere di incontrarlo proprio in occasione del primo Giorno del ricordo che si tenne a Torino nel 2005 e la sorte ci collocò vicini sul palco degli oratori a Palazzo Carignano. Non lo conoscevo, ma seppe mettermi subito a mio agio con grande cordialità. Sicuramente sapeva che ero stato amico di Sogno, una delle mie scelte sbagliate, dettate da simpatia o antipatia, che da tempo ho rivisto.   Facemmo due interventi diversi, ma che si incrociavano nell’affermazione di alcuni valori condivisi. Poi ci furono parecchie, ulteriori occasioni di incontro negli anni che mi fecero accrescere la stima nei suoi confronti. A Finale Ligure parlammo insieme del caso Tortora, un tema che per un ex magistrato poteva essere difficile, ma per lui non lo fu affatto. E’ un uomo di profonda onestà intellettuale. La sua posizione sulla Magistratura espressa anche in un libro rivela la capacità di  mettersi in discussione e  di rivedere le posizioni, una virtù di pochissimi. Chi gli impedì di essere eletto alla Corte Costituzionale sbagliò ,basandosi su pregiudizi. La profonda cultura giuridica di Violante sarebbe stata molto utile alla Consulta. Anche sul referendum costituzionale  del dicembre 2015 la sua posizione fu distante da quella di Zagrebelski e di Rodotà. Adesso in una intervista Violante  ha toccato un nervo scoperto : la posizione ideologica della sinistra sul tema dell’immigrazione, affermando che “non esiste il valore assoluto dell’accoglienza” perché bisogna sempre curarsi della praticabilità delle scelte che si fanno e delle loro conseguenze. In sostanza c’è chi ha sostituito il mito dell’operaio con quello del migrante. Sono cose che io ho scritto per anni  .Mi fa piacere trovarmi in compagnia di Violante.

***

I migranti protestano 
La forma della loro protesta, il rifiuto di prendere cibo, sarebbe anche accettabile, persino esemplare, di fronte al richiamo alla violenza che seduce tanti italiani. Ma il fatto che i migranti di Alpignano ,circa 350 persone, inscenino una protesta ,dicendo che le loro condizioni di vita sono  inaccettabili  e che il direttore del loro centro di accoglienza va rimosso, suscita perplessità .Sono  stati accolti dalla comunità di  Alpignano senza proteste ,sono stati accolti in Italia e sicuramente la maggioranza di loro non ha i requisiti del profugo, ma è un emigrante economico. A meno che ci siano gravi motivi, la loro protesta appare difficile da accettare. L’Italia e’ un paese stremato da una politica folle di accoglienza indiscriminata. Forse dovrebbero darsi una calmata. E chi specula su questo dramma dell’accoglienza deve  rivedere qualcosa. In caso contrario la polveriera rischia di esplodere. La sicurezza di chi accoglie è almeno pari a quella di chi è accolto che deve comunque stare dentro le regole dei primi.

***

Bentivoglio non conosce l’8 settembre
La cena in bianco non sarà quella degli altri anni, ma ci sarà . La sua inventrice Antonella Bentivoglio d ‘Afflitto non si è abbandonata alle lamentazioni di fronte al diniego poco tempestivo, ma comprensibile, della sindaca di Torino a svolgere in piazza l’evento. Ha saputo reagire in modo geniale: fare la cena in bianco a casa propria il 9 settembre, invitando amici,vicini di casa, persone vicine e lontane. Una scelta di realismo creativo, magari l’uovo di Colombo, ma sicuramente non una resa. Aggiungeremmo un suggerimento : utilizzare i cortili delle case e anche le terrazze e i giardini privati. Cenerà insieme una Torino che non si arrende e che vuole farsi vedere,che non danneggia nessuno, rifiuta la violenza e pratica anzi l’educazione civica . Non ci sarà l’8 settembre per la cena in bianco. Quest’anno  si terrà il 9 in modo diverso, è stato detto, quasi virtuale. Ma non è così perché l’importante è fare l’evento. Quello che invece appare  certo è Torino continua a perdere colpi .E,  andando avanti così, la città e’ destinata al declino,in cui la relegò il sindaco  Novelli con le sue scelte tristi e  miopi, nel decennio 1975/85 , con tanti assessori funzionari di partito che assomigliano molto a molti dell’attuale Giunta. Non a caso,Novelli venne soprannominato Crisantemo.

***

Giannone chi era costui ? 

Pietro Giannone fu un illuminista napoletano morto a Torino alla Cittadella ,dopo 10 anni di carcere duro, nel 1748. Era stato anche 6 anni rinchiuso nel forte di Ceva. Perseguitato a Napoli per i suoi scritti,era fuggito a Vienna dove ottenne la protezione del principe Eugenio di Savoia. Successivamente trovò rifugio presso la  Repubblica di Venezia  e poi a Ginevra, riparo sicuro a cui guardavano i perseguitati di tutta Europa.  Venne indotto con l’inganno a trascorrere qualche giorno in  un villaggio della Savoia dove venne arrestato e imprigionato. Su richiesta della Chiesa cattolica  lo stato sabaudo tese una trappola allo studioso.La libertà del Giannone venne sacrificata sull’altare dei  buoni rapporti  con la Chiesa come contropartita di un concordato che chiudesse lo scontro con la Chiesa  avviato da Vittorio Amedeo II.   Nell’opera “ Il Triregno .Del regno terreno,del regno celeste,del regno papale”  delineò una concezione laica dello Stato,su cui Franco Venturi  ha scritto pagine di fondamentale importanza.  La sua “Istoria civile del Regno di Napoli” denuncia l’acquiescenza dello Stato nei confronti della Chiesa che nel Mezzogiorno fu ancora maggiore che nel resto d’Italia. Manzoni  dedicò ampio spazio al Giannone della sua” Storia della Colonna infame”,  citando i plagi e gli errori del Giannone che gli vennero rimproverati anche da Voltaire. Si trattava di limiti nel campo  della ricerca erudita ,ma non nell’impianto  storiografico complessivo della sua opera che ebbero eco e traduzioni in tutta Europa. Ciò che dava fastidio in Giannone era il suo spirito  laico,il senso dell’autonomia dello Stato che non era l’ empia irreligiosità di cui fu accusato.La sua opera in questo senso  si colloca nella linea alta di Machiavelli,di Guicciardini,di Sarpi,il meglio del pensiero storico italiano.Citava il Giannone un mio professore liceale che era stato prete. Le sue erano parole piene di indignazione. Da lui incominciai a capire il valore della laicità e della tolleranza. Quando poi lo studiai più da vicino ne vidi anche i limiti. Un mio nipote che ha da poco finito il liceo non sapeva della sua esistenza. Invece è una figura che anche a Torino andrebbe ricordata. Fu una vittima che pochi ricordano. In passato per ragioni politiche,oggi per ragioni soprattutto di ignoranza. Giannone ? Chi era costui ?

***

LETTERE  scrivere a quaglieni@gmail.com

.

Addio spaghetti “borghesi” la domenica

Carissimo, tutto  mi  sarei  aspettato , ma  non certo  la  ricetta  degli  spaghetti ( qualcuno  preferisce  i  rigatoni ) “alla  gricia”  e  il  ristorante  del  “Pantheon” . Come  spesso  è  accaduto  per  persone od  eventi  politici    i  tuoi scritti  risvegliano  in  me  ricordi  e  così  è  in  questo  caso . La  trattoria  del  “Pantheon”  esisteva  ben  prima  del  1961  ed  era  gestita  da  Nunzio  Fidanza ( amatriciano  doc )  ed  era ben  frequentata  da  buoni  borghesi  amanti  del  buon cibo  per  cui  io  ed  i miei , negli  anni  ’50 , spesso  andavamo  a  cena  o  la  domenica  a pranzo. Di  parlamentari all’epoca  nemmeno uno ! poi  una  bella  sera  ,entrando,  trovammo  Moravia , Maraini, Pasolini  ed  altri  loro  amici . Invece  di  lanciarlo , affondarono  il  locale  perché  cominciarono  a  venire  i  giovani  amici  di Pasolini   per  cui  la  vecchia  clientela  via  via  abbandonò  il  locale ed il  povero  Nunzio  si  trasferì  dal  fratello  che  gestiva  un  raffinato  ristorante  vicino  a  piazza  Augusto Imperatore  che  si  chiamava  l’ Augustea .      D.G.

.

Una bella testimonianza, direi storica.  Non ho mai parlato con Dacia Maraini, l’unica con cui ho rapporti amichevoli, del “Pantheon” che rinacque a nuova vita con Armando Gargioli nel 1961 e oggi ha un successo internazionale per merito dei suoi figli. Chiederò a Dacia i suoi ricordi. Il mondo è cambiato. Come moltissimi ristoranti anche il “Pantheon” è chiuso di domenica. L’abitudine di andare a colazione la domenica a mezzogiorno non c’è più. Un ulteriore segno della fine di una certa borghesia che reggeva l’Italia e che oggi è scomparsa.

pfq

.

Il Ferragosto cristiano  dimenticato

Caro Quaglieni,
Ho letto il suo elzeviro sull’estate  che ho apprezzato per l’ironia,il tono lieve ,direi estivo, che non dimentica però  anche la storia. Mi ha stupito che non abbia fatto neppure un accenno alla festività religiosa dell’Assunta che si festeggia il Ferragosto. Per molti è un riferimento importante,come lo sono le diverse feste di  San Rocco che si tengono in Piemonte e non solo. Nelle piccole borgate e’ un evento che si aspetta tutto l’anno.

Germana Zullo

.

In effetti ho tralasciato l’aspetto religioso . Il ’68 segno’ un lunga eclisse religiosa. Ho analizzato solo la festa “pagana” dell’estate. In effetti, c’è anche l’aspetto religioso, ma la vacanza sembra metterlo in disparte. Forse e ‘ anche perché la Chiesa ha demonizzato per troppo tempo il sesso, vedendolo come colpa grave  e non come un aspetto bello della vita. Oggi e’ difficile identificare Ferragosto con la festa dell’Assunta,un dogma proclamato da Pio XXII nel 1950.  Solo i vecchi se ne ricordano.Sui giornali non c’è spazio per le cerimonie religiose del 15 d’agosto.Ed è sicuramente un  male perché anche d’estate  le parole dell’arcivescovo di Torino sono importanti. Nel nostro egoismo pensiamo solo a festeggiare per vivere  una giornata piacevole senza affanni.  Mario Berrino ad Alassio parlava della Gran Cagnara estiva. E ci si divertiva veramente. Oggi fingiamo o ci illudiamo di divertirci .A Ferragosto andrebbe   anche  ricordato ,ad esempio, chi soffre negli ospedali . Solo un uomo del livello morale di Giovanni Conso mi telefono’,il giorno di ferragosto di tanti anni fa,chiedendo di mio padre gravemente ammalato . Fu l’unico,il solo. Un certo nichilismo  ci fa perdere di vista anche alcuni valori solidali che dovrebbero essere irrinunciabili. Questa in cui viviamo ,non è una società più laica,ma semmai una società  totalmente secolarizzata  e impoverita che ha emerginato la dimensione religiosa del vivere per privilegiare un edonismo  senza futuro.

pfq