Home » Cosa succede in città » Lezioni di vita e di politica nell’antica ferramenta
UNA STORIA NATA IN BARRIERA

Lezioni di vita e di politica nell’antica ferramenta

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 settembre 2015

tosettoSTORIE DI CITTA’ / di Patrizio Tosetto

 

 Via Maria Vittoria angolo Via San Massimo: Francesco mi ricorda che, dai tempi che furono, i Drovetti chiamano i primogeniti Francesco e Luigi. Anche per questo appartengono ad un’altra generazione

 

drovettiVia Maria Vittoria angolo Via San Massimo. Da quelle parti, nel corso dei secoli è passata un pezzo di storia della nostra città. Ci capito diverse volte. Amo passeggiare raggiungendo l’ufficio a piedi. Ultimamente sono andato alla Ferramenta Fratelli Drovetti, dal 1906. Ci sono andato per trovare Francesco Drovetti, da me conosciuto da anni, ma incuriosito di approfondire la conoscenza. Piacevolmente “vola” la mattinata con finale invito a pranzo. Direi quasi…un signorotto rinascimentale. Cordiale, capace di coordinare le sue tre attività principali: lavoro con i relativi problemi pratici da risolvere; pubbliche relazioni con chi lo viene a trovare; la sua passione: la politica. L’immancabile sigaretta accesa, diversi argomenti nel suo “repertorio”. Tutti dentro questa Torino. Del resto, la sua famiglia ha attraversato il Novecento, passando tra due guerre. Attività tra il commercio e l’artigianale. Arrivano dal Canavese. Terra di lavoratori del ferro. Risiedono in Barriera di Milano, poco oltre il vecchio dazio. E le attività iniziano a Torino, proprio lì. Poi “rimbalzano” da Porta Palazzo, via Saluzzo e corso Marconi, per  “atterrare” nell’attuale sede. Superando negli anni d’oro i venti dipendenti.

 

Come hai cominciato, nel Lavoro? 

“Da “bocia”, in estate recuperavo i crediti. Una nostra qualità imprenditoriale è sempre stata quella di lavorare con i nostri soldi. Non indebitandoci. Brutta bestia le banche”

 

Impegno politico?

“Sai, chi nasceva in Barriera di Milano sentiva quasi ovvio diventare comunista. Ed io, ammetto, amo dove vivo. Del quartiere conosco la storia e soprattutto i suoi angoli”.

 

drovetti insegnaMai voluto fare il consigliere comunale? 

“No! in compenso sono diventato membro del Distretto scolastico provinciale doppiando in numero di voti di un “certo”  Vietti: 22mila lui, 44mila io”.

 

Si esce per l’immancabile caffè. Si fa fatica a raggiungere la tabaccheria. Pochi metri, ma incontra amici, avventori, residenti. Con ognuno una parola. Scambio di battute. Molte volte provocate da una sua amabile ironia. Anche qui molti gli argomenti. Storia ed attualità la fanno da padrone. Mi presenta un vecchio leghista, oramai deluso, come il tabacchino. Saluta il medico in pensione che aveva il padre veterinario, negli Anni 50, in Monferrato. Clima da paese. Rientrati gli chiedo: la maggiore soddisfazione? 

 

“Non aver voluto essere solo e sempre il numero uno. Essere stato con altri nel cercare di raggiungere ciò che desideravo”. 

 

Maggiore insoddisfazione? 

“Qui dovresti darmi un po’ di tempo. Sono stato per anni negli organismi dirigenti dell’ Ascom. In particolare presidente della categoria delle ferramenta . Tantissimi  erano gli iscritti. Ora  solo15. (mi sono informato, stupendomi, negli ultimi anni le ferramenta sono aumentate ). Ho tentato di “far fuori”, politicamente, si intende,  Pino De Maria. Non perché non mi andasse bene la persona. Ma perché portatore di un’idea secondo me sbagliata di Città. Se ne sono viste le conseguenze negative. Una prima volta ci sono riuscito. Ma è ritornato in sella anche grazie, mi costa dirlo, alla sinistra. Il risultato finale è stato anche un impoverimento complessivo del Sindacato dei commercianti”. drovetti storia

 

Hai superato i 60 anni. Prospettive? 

“Qui la nota dolente: si vive alla giornata”.

 

Si va a mangiare. Mi ricorda che dai tempi che furono i Drovetti chiamano i primogeniti Francesco e Luigi. Anche per questo appartengono ad un’altra generazione.