Home » CULTURA E SPETTACOLI » Leggermente apre il 2017 con Maria Rita Parsi
12 Gennaio ore 18

Leggermente apre il 2017 con Maria Rita Parsi

di ilTorinese pubblicato martedì 10 gennaio 2017
Alla Biblioteca Civica Villa Amoretti- Corso Orbassano 200, Torino

 

Dopo la pausa natalizia riparte con slancio LEGGERMENTE, il progetto di lettura condivisa promosso da Cascina Roccafranca, dalla Circoscrizione 2 e dalle Biblioteche Civiche Torinesi, in collaborazione con la Libreria Gulliver. Ad aprire il nuovo anno di pagine e parole, una Signora del panorama culturale italiano: con il suo I maschi son così- Penelope si è stancataMaria Rita maria-rita-parsi-i-maschi-son-cosi-copertinaParsi incontrerà i lettori giovedì 12 gennaio alle ore 18.00, presso la Biblioteca Civica di Villa Amoretti. Attraverso le testimonianze di persone incontrate nel corso della sua attività professionale l’Autrice esplora le maschere che gli uomini indossano per nascondere le loro fragilità, e le sfumature, le aspettative e i compromessi che si nascondono nell’anima delle donne. 

Dall’osservazione attenta delle dinamiche di coppia, Maria Rita Parsi regala preziosi spunti per costruire relazioni profonde e appaganti tra uomo e donna, proprio attraverso l’accettazione delle reciproche debolezze, la capacità di guardare all’altro senza i filtri della paura e delle convenzioni, e una comunicazione serena e costruttiva. LEGGERMENTE, arrivato alla sua settima edizione accoglie, in un percorso lungo sei mesi, lettori appassionati e autori, i ragazzi di 63 classi delle scuole medie e superiori, nonni, bambini e famiglie, promuovendo la bellezza della lettura come viaggio corale e occasione diversa per stare insieme. Nato nella periferia operaia di Torino del quartiere di Mirafiori, negli anni LEGGERMENTE ha saputo conquistarsi un seguito sempre più numeroso, aggiungendo ai gruppi di lettura, storica anima del progetto, iniziative collaterali importanti e collaborazioni prestigiose.

 

Il libro:

I maschi son così- Penelope si è stancata – Maria Rita Parsi, Piemme edizioni

Livia ha un marito amorevole e premuroso che, però, ha un debole per le prostitute.  Elda si mette in storie sbagliate per sottrarsi a un padre iperpossessivo che le ha reso la vita un inferno. Francesca viene abbandonata dal fidanzato che le preferisce una donna molto più vecchia e benestante di lei. Alexis scopre di essere stata solo la donna dello schermo per suo marito, omosessuale nascosto. Penelope, invece, dopo aver accettato per anni i tradimenti del coniuge e averlo accolto a ogni suo ritorno, decide di andarsene e non tornare più indietro. Spesso le donne scoprono sulla loro pelle una verità difficile riguardo agli uomini della loro vita. I maschi non sono forti e sicuri di sé come vogliono far credere. Sono fragili, spaesati e a volte impauriti dal dover recitare il ruolo che le donne e la società si aspettano da loro. Però non sanno di esserlo, o non vogliono accettarlo, e camuffano con la fuga, l’inganno, il tradimento, l’arroganza, la prevaricazione, in certi casi con la violenza, quel senso di fragilità. Da qui si generano le incomprensioni, le distanze, gli equivoci tra i sessi, in un gioco di ripicche e accuse da cui nemmeno le donne sono immuni. Eppure trovare un modo di comunicare è possibile. Uomini e donne possono aiutarsi a comprendere i propri limiti e a superarli, a fare della fragilità una forza e un punto di partenza per relazioni ricche, equilibrate e libere da manipolazioni, rivendicazioni e sotterfugi.

Attingendo alla sua lunga esperienza, la nota psicologa Maria Rita Parsi aiuta a riconoscere la fragilità maschile e le sue manifestazioni e, attraverso le testimonianze di donne e uomini che a lei si sono raccontati, offre spunti per una nuova e positiva dinamica delle relazioni.

 

I prossimi appuntamenti di LEGGERMENTE:

3 febbraio 2017, ore 18.00- BIBLIOTECA VILLA AMORETTI

Ester Armanino “Storia Naturale di una famiglia”, ed. Einaudi

Riccardo Gazzaniga “Non dirlo a nessuno”, ed. Einaudi 

 

7 marzo 2017, ore 21.00 – CASCINA ROCCCAFRANCA

 Carlo Cottarelli “Il Macigno”, ed. Feltrinelli