Home » prima pagina » La legge anti-Uber non basta: è sempre guerra tra taxi e driver abusivi (che sbarcano su Fb)
Di recente la Regione ha approvato all’unanimità le norme che chiariscono l’impossibilità per Uber e per altri sistemi di chiamata di trasporto persone a pagamento di operare sul territorio

La legge anti-Uber non basta: è sempre guerra tra taxi e driver abusivi (che sbarcano su Fb)

di ilTorinese pubblicato giovedì 16 luglio 2015

taxi2

taxitaxi8taxi6“Su Fb l’orgoglio dell’abusivismo risuona dal nome stesso della pagina “Kabu-Kabu”, come i taxi abusivi dei paesi del terzo mondo”. A parlare è Maurizo Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia 

 

Pochi giorni fa la Regione ha approvato all’unanimità le norme che chiariscono l’impossibilità per Uber e per altri sistemi di chiamata di trasporto persone a pagamento di operare sul territorio piemontese. Con il voto favorevole di maggioranza e opposizione, è stato infatti dato il via libera alla proposta di legge regionale n. 117 presentata da Gianluca Vignale (Fi).La nuova norma approvata dal consiglio regionale per porre fine a “Taxi selvaggio” specifica: “Il servizio di trasporto di persone, che prevede la chiamata, con qualunque modalità, di un autoveicolo a esso dedicato e una corresponsione economica, può essere esercitato esclusivamente da soggetti che svolgono il servizio di cui alle lettere a) e b) del comma 3, dell’articolo 1, della presente legge”: vale a dire tassisti e noleggiatori con licenza.

 

La prima proposta del consiglere Vignale prevedeva anche sanzioni fino a 1.500 euro per i “driver” e fino a 30.000 per i gestori delle “app”. Nel testo approvato, invece, si fa riferimento al codice della strada (articoli 85 e 86) per le sanzioni ai conducenti dei mezzi, mentre non è prevista alcuna pena pecuniaria per i gestori dei sistemi di chiamata. fatta la legge trovato l’inganno. Ora i driver di Uber hanno aperto una pagina su Facebook.

 

“La segnalazione dei taxisti torinesi è chiara: dopo le batoste giudiziarie e la legge regionale che vieta Uber i driver abusivi, orfani della multinazionale americana, si sarebbero auto-organizzati, lanciando una pagina Facebook con i numeri di telefono cellulare da chiamare direttamente per avere il proprio taxi irregolare: l’orgoglio dell’abusivismo risuona dal nome stesso della pagina “Kabu-Kabu”, come i taxi abusivi dei paesi del terzo mondo”. A parlare è Maurizo Marrone, Capogruppo di Fratelli d’Italia  in Comune a Torino e alla Regione, che annuncia: “Ho già segnalato la pagina all’Assessore alla Polizia Municipale Tedesco, per attivare i civich contro questa ultima ridotta dell’abusivismo nel trasporto pubblico non di linea”.

 

(Foto: il Torinese)