Home » ECONOMIA E SOCIALE » Legambiente: in Valsusa si parla di Eternit
DOPO LA SENTENZA CHOC

Legambiente: in Valsusa si parla di Eternit

di ilTorinese pubblicato domenica 23 novembre 2014

MONTAGNA PIEMONTE

Nell’assemblea annuale dei circoli di Piemonte e Val d’Aosta a Villar Focchiardo si è chiesto al Senato di approvare la legge sugli ecoreati

 

E’ risuonata anche in Valsusa la vicenda dell’assoluzione di Stephan Schmidheiny dal processo Eternit, operata dalla Corte di Cassazione per l’intervenuta prescrizione. L’argomento è stato al centro del dibattito dell’annuale congresso dei circoli di Legambiente di Piemonte e Valle d’Aosta che si è svolta a Villar Focchiardo. Il presidente nazionale e quello regionale, Vittorio Cogliati Dozza e Fabio Dovana hanno dichiarato che:  “L’indignazione per la sentenza Eternit non basta. Facciamo appello ai senatori per la rapida approvazione del disegno di legge sugli ecoreati”. Si tratta di un intervento del legislatore che va ad introdurre nel codice penale i delitti ambientali. Il testo, però, dopo un voto a larga maggioranza alla Camera nel febbraio di quest’anno, è fermo  al Senato da marzo. Di qui la necessità che siano proprio i senatori, tra una discussione e l’altra sul loro futuro, a prendere in mano la situazione e licenziarlo.

 

Legambiente focalizza l’attenzione anche sul fronte delle bonifiche: “Sono passati 22 anni dall’entrata in vigore della legge che ha proibito l’estrazione, la lavorazione e la commercializzazione dell’amianto ma sono oltre 34.148 i siti ancora da bonificare per oltre 32 milioni di tonnellate di amianto sparso in tutto il Paese. Un aiuto consistente potrebbe arrivare dal ripristino degli incentivi per la sostituzione delle coperture in amianto con il fotovoltaico. Gli incentivi sono terminati a luglio 2013 e hanno permesso di risanare ben 30 mila tetti per una superfice di più di 20 kmq e di installare circa 3 GW di fotovoltaico. Chiediamo dunque al Governo Renzi di riattivare in tempi rapidi gli incentivi”.

 

Massimo Iaretti