Home » Cosa succede in città » L’effetto Jobs Act fa crescere le assunzioni
I CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO SONO AUMENTATI IN TRE MESI DEL 54% SOPRATTUTTO TRA I RAGAZZI FINO A 24 ANNI. SI TRATTA DI 14 MILA PROCEDURE IN PIU' RISPETTO ALLO STESSO PERIODO NEL 2014

L’effetto Jobs Act fa crescere le assunzioni

di ilTorinese pubblicato venerdì 5 giugno 2015

lavoro2

Dati che inducono a ben sperare se si uniscono alle assunzioni in sanità, di cui abbiamo già parlato sul “Torinese”

 

L’assessore al Lavoro Gianna Pentenero, durante il consiglio regionale straordinario, ha illustrato alcuni dati positivi sull’andamento del mercato del lavoro nella nostra regione, che sembrano confermare la tendenza positiva a livello nazionale. Nel primo trimestre dell’anno in Piemonte, +11,7% delle assunzioni, mentre da gennaio ad aprile, grazie all’effetto del Jobs Act renziano, i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti del 54,2%, pari a 14 mila procedure in più rispetto allo stesso periodo del 2014, con un aumento del 111,5% fra i giovani fino a 24 anni. Dati che inducono a ben sperare se si uniscono alle assunzioni in sanità, di cui abbiamo già parlato sul “Torinese”. Le aziende sanitarie potranno, infatti,  dare il via a 800 assunzioni di personale del ruolo sanitario ed operatore socio-sanitario: 600 in tempi brevi, le prime entro giugno, le altre 200 nel 2016. La Regione intende così migliorare i tempi di attesa riguardanti soprattutto le attività chirurgiche ed ambulatoriali e ridurre il precariato ed i contratti atipici.

 

(Foto: il Torinese)

    .