Home » vetrina4 » Le iniziative del “Pannunzio”
nel mese di gennaio

Le iniziative del “Pannunzio”

di ilTorinese pubblicato martedì 10 gennaio 2017

Un nutrito calendario di eventi

centropannunzio-news

*** “IL MONDO” DI PANNUNZIO 1949-1966, la Mostra prosegue…

La Mostra storico-documentaria e didattica “IL MONDO” DI PANNUNZIO 1949-1966, promossa dal Centro “Pannunzio” e dalle Biblioteche Civiche di Torino, è visitabile presso la Biblioteca Civica “A. Passerin d’Entrèves” (via Guido Reni 102, Cascina Giaione, Torino) fino al 14 gennaio 2017.

 

*** RICORDO DI VALERIO ZANONE – ROMA

ZANONEMercoledì 11 gennaio 2017 alle ore 18 nella Sala Italia delle Regioni UNAR in via Ulisse Aldrovandi 16 a Roma si terrà il convegno in ricordo di “Valerio Zanone, un liberale piemontese a Roma” organizzato da “Piemontesi a Roma” in collaborazione con il  “Centro Pannunzio”, Scuola di Liberalismo ed altri enti.

Interverranno: Luisella Battaglia – bioeticista, Valerio Castronovo – storico, Luigi Guidobono Cavalchini – ambasciatore, Alberto Pera – economista e avvocato.

Presiederà l’incontro Enrico Morbelli Presidente di “Piemontesi a Roma”.

 

*** I FRATELLI GARRONE: memorie della Grande Guerra

Giovedì 12 gennaio alle ore 18 nella sala del Circolo della Stampa (Corso Stati Uniti, 27, Torino), Paolo BORGNA, Bruno QUARANTA, Roberto PLACIDO, insieme al curatore Roberto ORLANDO, presenteranno il libro “100 (E UNA) LETTERE DAL FRONTE UN SECOLO DOPO. Fotografie e lettere dei fratelli Garrone medaglie d’Oro al Valor Militare della Grande Guerra” edito da Paola Caramella Editrice.guerra corriere

Interverrà Sergio CHIAMPARINO, Presidente della Regione Piemonte. Il volume raccoglie le fotografie inedite e una selezione delle lettere ai familiari, ai conoscenti e agli amici, inviate dai fratelli Giuseppe ed Eugenio Garrone, ufficiali al fronte nella Grande Guerra dove, a cavallo tra il 1917 e il 1918, perderanno entrambi la vita. Zii di altri due fratelli protagonisti del Novecento come Alessandro e Carlo Galante Garrone, descrivono gli eventi con uno sguardo così intriso di umanità da restituire il senso di un dramma collettivo fatto di fango e freddo, fatica e sofferenza, cameratismo e “pietas”.

 

*** L’ULTIMO LIBRO DI MAURIZIO FERRARIS

Lunedì 16 gennaio alle ore 18 nella sala di Palazzo Cisterna (Via Maria Vittoria, 12, Torino), con il Patrocinio della Città Metropolitana di Torino, il filosofo Maurizio FERRARIS presenterà il suo libro “L’IMBECILLITÀ È UNA COSA SERIA”, edito da Il Mulino. Introdurrà Anna RICOTTI.

A lungo l’umanità si è considerata perfetta, attribuendo le proprie eventuali défaillances all’alienazione portata dalla tecnica o all’azione di entità arcane e malvage come il Capitale e l’Europa. Ma sarebbe bastato un esame di coscienza per capire che il problema era un altro: l’imbecillità, dentro e fuori di noi. L’imbecillità è una cosa seria, a cui sinora non si è dato che uno sguardo distratto, come fosse una cosa per pochi e, soprattutto, per altri. Non è così e, appena ce ne accorgiamo, i conti tornano, nell’economia, nella società e nella storia. Parte da qui l’irresistibile riflessione del filosofo su questa imbarazzante caratteristica dell’umano.

Ed è di qui, solo di qui, dal sentirci tutti lambiti dalla grande ala dell’imbecillità, che ha origine il progresso, la lunga avanzata dell’umanità verso il bene – ossia, la sua fuga senza fine dall’imbecillità.

 

*** “L’ITALIA CIVILE” DI PIER FRANCO QUAGLIENI

Giovedì 19 gennaio alle ore 17,30 nell’Aula Magna dell’Università di Torino (Via Verdi, 8), Dino COFRANCESCO, Sara LAGI e Francesco TUCCARI presenteranno, in dialogo con l’autore, il libro di Pier Franco QUAGLIENI “FIGURE DELL’ITALIA CIVILE”, Golem Edizioni. Coordinerà Giuseppe PICCOLI.

pannellal libro di Quaglieni tratteggia le figure di personalità importanti della cultura e della politica italiana del ’900, da Einaudi a Giovanni Amendola, da Marchesi a Soleri, da Calamandrei a Chabod, da Burzio ad Adriano Olivetti, da Ernesto Rossi a Balbo di Vinadio. La parte più consistente del libro riguarda gli “amici e maestri” che l’autore ha conosciuto e frequentato: Jemolo, Bobbio, Galante Garrone, Montanelli, Valiani, Venturi, Casalegno, Alda Croce, Primo Levi, Ciampi, Luraghi, Romeo, Spadolini, Pininfarina, Ronchey, Tortora, casalegno1Pannella. Due capitoli molto densi concludono il libro, quelli dedicati a Soldati e Pannunzio. Si tratta di scritti che Quaglieni arricchisce ricostruendo la storia dei rapporti tra il Centro “Pannunzio” e le diverse personalità che animano il libro. Le figure delineate sono spesso ricordate con episodi del tutto inediti e poco convenzionali, in alcuni casi persino politicamente “poco corretti”, ma sempre equilibrati sotto il profilo storico. Ne viene fuori un ritratto a tutto tondo dell’Italia civile, che l’autore ritiene vada riscoperta e valorizzata come patrimonio culturale irrinunciabile anche per il futuro delle nuove generazioni.

 

*** OGNI GIORNO CON LA MATEMATICA

Mercoledì 25 gennaio alle ore 18 nella sede del “Centro Pannunzio” (via Maria Vittoria 35H, Torino), Franco PASTRONE terrà una conferenza sul tema “C’È, MA NON SI VEDE. La matematica nella vita quotidiana”.

Introdurrà Adriana LO FARO.

Se pensate che la matematica sia solo un fatto di calcoli, di numeri, magari sempre più grandi, di figure geometriche, di righelli e compassi, rimarrete sorpresi. La matematica è nascosta in ogni aspetto della nostra vita e il matematico ha l’occhio allenato a vedere i suoi aspetti nascosti. Spesso da un oggetto si può partire per un lungo viaggio in teorie matematiche avanzate e complesse. In questo incontro verrà fornito un piccolo catalogo, incompleto, della matematica che si cela ovunque attorno a noi.

Provate a indossare le lenti del matematico e vedrete un mondo diverso.

***

mole evangelistaRINNOVARE L’ADESIONE AL CENTRO “PANNUNZIO”

ALL’INIZIO DEL NUOVO ANNO CI E’ GRADITA L’OCCASIONE PER INVITARVI A RINNOVARE L’ADESIONE AL CENTRO “PANNUNZIO” O A FARVI SOCI PER IL 2017. SAREBBE ASSAI IMPORTANTE POTER CONTARE SULLA VOSTRA ADESIONE AD UN’ASSOCIAZIONE LIBERA CHE, DA QUASI CINQUANT’ANNI, PERSEGUE GLI DEALI DI UNA CULTURA SCEVRA DA OGNI CONDIZIONAMENTO IDEOLOGICO.

COME DICEVA MARIO SOLDATI CHE FU NOSTRO PRESIDENTE PER VENT’ANNI: ”LA CULTURA, AD UN CERTO LIVELLO, E’ SOLO CULTURA”. A QUESTO PRINCIPIO CONTINUEREMO AD ISPIRARE IL NOSTRO IMPEGNO.

LA VOSTRA ADESIONE SAREBBE PER NOI DI PARTICOLARE CONFORTO.

SUL SITO WWW.CENTROPANNUNZIO.IT, CLICCANDO SU “COME ASSOCIARSI” TROVERETE LE QUOTE ASSOCIATIVE E LE MODALITA’ PER ASSOCIARVI PER IL NUOVO ANNO.

ASSOCIANDOVI RICEVERETE MENSILMENTE IL NOTIZIARIO “PANNUNZIO FLASH” CON TUTTE LE ATTIVITA’ DEL CENTRO.