Home » prima pagina » Le imprese sul piede di guerra dicono “Sì alla Tav”
"bloccare i lavori non è accettabile"

Le imprese sul piede di guerra dicono “Sì alla Tav”

di ilTorinese pubblicato lunedì 29 ottobre 2018

Nel giorno in cui il Consiglio comunale, privato della sindaca Appendino volata a Dubai per promuovere la Città, si accinge a votare l’ordine del giorno No-Tav, si alza la protesta di chi vuole crescita e sviluppo (anche)  attraverso le grandi opere. “La Torino-Lione non è capriccio di pochi, ma un investimento per il futuro di tutti”, sostengono industriali, artigiani, commercianti, aziende edili e tutte le associazioni di impresa schierate per la Tav. Le associazioni di categoria vogliono che la Tav venga realizzata perché “bloccare i lavori della Tav non è accettabile”, e annunciano che i loro presidenti saranno presenti a Palazzo Civico per dire no all’ approvazione del documento grillino. “Gli imprenditori che creano occupazione, vogliono certezza sulle infrastrutture e  non possono più sopportare una politica che va contro lo sviluppo e la crescita” sostengono.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE