Home » TRIBUNA » Le finestre di Melting Pot
Sabato 2 dicembre 2017 – ore 16.30

Le finestre di Melting Pot

di ilTorinese pubblicato sabato 2 dicembre 2017

Centro Interculturale della Città di Torino Corso Taranto, 160 Dimostrazione finale secondo Laboratorio del Progetto 

 

FINESTRE

Teatro a cura di: Francesca Guglielmino, Irene Salza e Alberto Valente

Danza Terapia a cura di: Adriana Ricci Horta

 

 

Sabato 2 dicembre termina Melting Pot, progetto promosso e ideato dal Centro Interculturale e dalla Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, con il sostegno della Città di Torino, Direzione Servizi Sociali -Servizio Stranieri, nell’ambito delle iniziative realizzate dal progetto Hopeland del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR). Il progetto si è articolato su due iniziative culturali, il Teatro e la Danza, volte a favorire l’accoglienza e l’inclusione dei richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitari. Due percorsi indipendenti ma tra loro collegati da obiettivi comuni mirati all’espressione e valorizzazione dei partecipanti. Il teatro e la danza terapia uniti insieme per far sentire cittadini della nostra Città, nel tempo presente, i cittadini del mondo che vi transitano. Dopo il successo del 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato, in cui è stato presentato lo spettacolo Ritratti che concludeva il primo laboratorio, sabato 2 dicembre verrà presentato Finestre, dimostrazione finale della seconda parte del Laboratorio. Le Finestre si aprono su mondi diversi che raccontano le storie dei partecipanti. Le finestre si spalancano su paesaggi interiori e sociali. Ogni finestra schiude un racconto, un’immagine, una sequenza dialogica o di movimento che risponde a grandi quesiti esistenziali e sociali: Chi sono io? Da dove vengo? Di che cosa ho bisogno per vivere bene? La performance risponde in modo serio, poetico, ironico attraverso la storia del proprio nome, i ricordi di scuola, l’evocazione dei grandi maestri e delle grandi maestre della propria vita, l’identificazione di un “qua” e di un “là” generati da un lungo viaggio di separazione, il racconto di cosa è casa.

 

Ingresso libero – Prenotazione obbligatoria

 

 

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI

Centro Interculturale – Corso Taranto, 160

011/01129700 – giovanni.bagna@comune.torino.it