Home » Sport » Difficoltà e prospettive del basket torinese
se qualcuno vuole comprare qualcuno vuole vendere

Difficoltà e prospettive del basket torinese

di ilTorinese pubblicato sabato 22 dicembre 2018
AGGIORNAMENTO  Non ci sono trattative  per la cessione dell’Auxilium Basket Torino al gruppo Leonis. Il presidente Antonio Forni e il cda della società smentiscono trattative in corso con il Gruppo Leonis per cedere quote societarie come avevano invece riportato i mezzi di informazione
.
La Fiat Auxilium ha di nuovo perso. Peccato. La notizia di oggi è che qualcuno vorrebbe comprarla. Due le possibilità.  Notizia falsa. In questo caso non ci sarebbe nulla da dire se non stigmatizzare le bassezze della vita. Secondo. Se invece la cosa ha fondamento ci sono alcune considerazioni
Prima fra tutte: se qualcuno vuole comprare, qualcuno vuole vendere. Elementare, no?  Mi sono persino giocato amicizie nel settore per queste mie convinzioni. Ma tant’è. Mi ha stupito la sostanziale solitudine nell’aver sostenuto che il notaio Forni avrebbe ceduto il passo. Non sarà detta l’ultima parola ma mi è apparso decisamente stanco di tirare la carretta in quel modo. Ricapitoliamo. Una squadra costruita per vincere o perlomeno andare ai playoff sta lottando per non retrocedere. Chiaramente sintomo che qualcosa non ha funzionato. 50 giocatori cambiati in quattro anni e 6 allenatori sarà ben indice di qualcosa che non funziona. Dunque l’esistenza di un compratore è un fatto positivo. Premessa: mai vendere la pelle dell’orso prima di averlo catturato. Sembrerebbero  di Roma. Perché vogliono comprare? E soprattutto che cosa è in vendita? I diritti della serie A di Basket sono cedibili solo gratuitamente e con società sportive di regioni che confinano con il Piemonte. Sembra che non si tratti di questo. Addirittura le trattative sarebbero due. Appunto una romana e una torinese. Feira chiamato dal presidente Forni a fare l’ amministratore delegato non ne fa mistero. E sul web sostiene la necessità di cambiare passo. In altre parole cambiare proprietà. Ma qual è il valore della società? Dipende da diversi fattori. Principalmente due . In quale serie giocherà l’anno prossimo, visto che le possibilità di retrocessione sono forti, e l’elenco dei debiti maturati. Trattative complesse, non si attivano e concludono in 48 ore. Probabilmente Forni era da mesi che ci stava dietro. E la conclusione non è prossima. A questo punto vale la pena ricapitolare la decennale esperienza societaria. 12 anni fa Moncalieri conquista sul campo la promozione dalla c alla b2 proprio contro l’Auxilium Collegno. PMS non ce la fa e chiede aiuto a Terzolo di San Mauro . Le due realtà si fondono e Terzolo va avanti da solo chiedendo  aiuto a Forni, che bisticciando con Basket Biella si impegna a Torino pur essendo un canavesano. Separazione consensuale tra Forni e Terzolo. Forni  che non riesce ad andare avanti cede ad un gruppo petrolifero di Roma con interessi anche in Francia . Sempre sullo  sfondo 50 giocatori di cui l’80% non italiani. Con un guru del Basket mondiale americano ora “sul banco degli imputati” dopo 5 colleghi allenatori italiani in quattro stagioni. Feira ha sostenuto che le turbolenze continueranno. Mi sembra che non siano mai finite, e non finiranno in tempi brevi. Eppure qualcuno trionfante annunciava dopo la Coppa Italia lo scudetto e un buon posizionamento nelle coppe europee. Addirittura pensando al Pala Vela da  sede di Sport del ghiaccio a  sede del Basket. E anche il destino di questa struttura dovrà essere ripessato. Una sola certezza: chi subentra rivoluzionerà  tutto, visto che le formule del passato non hanno funzionato. Sono partiti per vincere tutto e ora lottano per non retrocedere, cosa che sarebbe umiliante per tutti noi torinesi. 
Patrizio Tosetto
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE