Home » CULTURA E SPETTACOLI » Le Api dei cappuccini
Il sesto noir di Biagio Carillo e Massimo Tallone

Le Api dei cappuccini

di ilTorinese pubblicato domenica 1 luglio 2018

La donna senza volto. Torna il sequel di Lola. Il sesto, intrigante noir, della accoppiata Biagio Carillo e Massimo Tallone. Ciascuno di noi, quando legge un libro, un romanzo, un giallo cerca di dare una fisionomia all’interprete principale. Chi vi scrive non è da meno e cerca sempre di ipotizzare un volto, un corpo e un’anima. Quando ho incontrato il criminologo Biagio Carillo, durante il successo di Torino Crime Festival, in uno scambio di conversazioni, gli ho posto la domanda: la relatrice della conferenza, potrebbe essere la sosia di Lola? Lo scrittore ha risposto: “può essere”. Sarò vanitoso, ma da lì, è nata l’idea di non dare un volto alla “pasionaria”. Sarà una coincidenza, un mero indizio che sarà confutato da prove inoppugnabili, però il dubbio rimane. A questo punto dovrei scrivere che il giallo si legge tutto di un fiato. Non è così, almeno per me non lo è, leggo e poi torno indietro per centellinare le frasi, le emozioni, i risvolti psicologici. Gli amici di Lola che sono eterni, in legame indissolubile e commistione di pensieri e anime, tante quante sono quelle degli appartenenti al suo clan. Vorrei andare all’ultima pagina per vedere se l’eroina si reinventerà un’altra vita, un altro amore e si rigenererà, ma ho fatto il contrario. Mi sono fermato e ho ricominciato daccapo la lettura. Se l’acqua è sempre fonte di ispirazione, di vita, di morte e di forti emozioni, il Po è anche il fiume sui cui si ambientano gialli, noir e thriller. Il sequel della Saga di Lola di Biagio Fabrizio Carillo e Massimo Tallone (Edizioni il Capricorno) è, come sempre, ambientato a Torino per le vie della città. L’enigma da risolvere sono le parole “When the sa” scritte, ma non completate, sul cellulare del fidanzato di Lola e c’è il mistero su chi sia l’assassino che, con la tuta da apicoltore, ammazza in un raptus di furia ceca. Gli amici le domandano: “Perché non hai voluto informare la polizia”?, risposta, “perché l’assassino di Guiscardo lo devo prendere io, con il vostro aiuto”. La ricerca della vendetta ha inizio e Lola ridiventa, ancora una volta invisibile.Se Lola mi fa questo effetto, probabilmente non dovrei più leggere il seguito della saga. O forse no?

Tommaso Lo Russo

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE