Home » ECONOMIA E SOCIALE » Le abitazioni del domani: un obiettivo per i giovani geometri
Gli studenti progetteranno il loro parco ideale oppure riporteranno all’antico splendore stabili d’epoca del centro storico e i migliori saranno premiati

Le abitazioni del domani: un obiettivo per i giovani geometri

di ilTorinese pubblicato giovedì 16 maggio 2019

Fiaip Torino incontra gli studenti a Ivrea: venerdì 17 maggio, dalle ore 9.30, sarà presentata la seconda edizione di ‘Evoluzioni’, progetto ideato e realizzato da My-House immobiliare e Studio Boni per gli studenti dell’Istituto Cena per geometri. Interviene la senatrice Tiraboschi

Gli studenti progetteranno il loro parco ideale oppure riporteranno all’antico splendore stabili d’epoca del centro storico e i migliori saranno premiati: questo è il progetto ‘Evoluzioni’, destinato agli studenti del quarto anno dell’istituto Cena per geometri di Ivrea (To). Alla prima edizione hanno aderito undici ragazzi, presentando i progetti di ristrutturazione degli ambienti residenziali e commerciali di un immobile storico del centro cittadino di Ivrea. Venerdì 17 maggio dalle ore 9.30, prima di dare vita alla seconda edizione di “Evoluzioni, la senatrice Virginia Tiraboschi premierà il vincitore della scorsa edizione. Quest’anno ‘Evoluzioni’ lancia una nuova sfida: un progetto di riqualificazione che potrà essere destinato a un’area pubblica oppure a un immobile privato. L’evoluzione delle tecniche di costruzione, i nuovi materiali, la bio-architettura e la rigenerazione dei centri storici sono i temi illustrati ai futuri geometri da noti specialisti del comparto edile. I ragazzi avranno un anno di tempo per proporre i loro elaborati. Ad una commissione esterna, composta da professionisti e imprenditori del settore edile, spetterà il compito di esaminarli e di selezionare infine il lavoro migliore, premiandolo con un compenso in denaro. La bioedilizia, le smart city e la riqualificazione dei centri storici come soluzione al degrado sono i temi centrali del progetto promosso da Fiaip collegio di Torino (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) e Ape Confedilizia. “L’Italia e il Piemonte sono costellati di città e paesi antichi, bellissimi, ma la cui evoluzione va guidata per evitarne il decadimento. Pensare al futuro degli immobili, ci porta automaticamente a pensare ai professionisti di domani, che oggi sono dietro i banchi di scuola”, commenta Aurelio Ameriopresidente di Fiaip Torino. “Inquadrare l’evoluzione del mercato immobiliare e le urgenze da affrontare come il recupero di vecchi edifici – aggiunge – significa sapere qual è lo scenario che si ha davanti e quali responsabilità spettano agli operatori del settore”. Motivo per cui l’incontro è aperto, non solo agli studenti, ma anche a professionisti, giornalisti e interessati all’innovazione applicata all’edilizia. “Fare in modo che i professionisti di oggi incontrino i tecnici di domani è l’idea da cui siamo partiti”, spiega Andrea Franchetto, titolare di My-House immobiliare. “Per i ragazzi che frequentano ancora la scuola – aggiunge Franchetto – confrontarsi con chi lavora attualmente nel settore è un’opportunità per gettare lo sguardo sulla realtà concreta di questo mestiere e capire i tratti vincenti di alcune operazioni di successo”. “L’augurio è che gli studenti traggano da questo progetto la passione, il coraggio e la professionalità che li distingueranno domani e che imparino a non staccarsene mai. Ma, soprattutto, l’obiettivo trainante del progetto è colmare il divario tra mondo scolastico e mondo lavorativo per dare ai giovani la possibilità di divenire professionisti eccellenti.”, commenta Manuela Boni, International advisor e ideatrice dell’iniziativa.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE