Home » Brevi di cronaca » L’autopsia fa luce sul caso della giovane Anxhela
PROSEGUONO LE INDAGINI PER OMICIDIO

L’autopsia fa luce sul caso della giovane Anxhela

di ilTorinese pubblicato venerdì 15 giugno 2018

Qualcuno potrebbe aver investito la giovane per errore e solo poi in un secondo momento l’avrebbe abbandonata sul bordo della strada affinchè venisse soccorsa

 

Si è svolta nella giornata di mercoledì, all’ospedale di Moncalieri, l’autopsia sul corpo della giovane donna morta dopo essere stata trovata agonizzante sulla tangenziale, nel tratto di strada che collega La Loggia a Stupinigi. Tramite i primi accertamenti eseguiti domenica sul corpo della poco più che ventenne Anxhela Meçani, si era ipotizzato che la giovane fosse morta a causa di un brutale pestaggio avvenuto da parte di uno o più uomini. Dopo l’autopsia eseguita dal medico legale Roberto Testi, incaricato dai pm Livia Rocci e Anna Maria Loreto -che hanno aperto un fascicolo per omicidio- è emerso che le lesioni trovate sul corpo di Anxhela sono in realtà compatibili con un investimento e non con un pestaggio. La ragazza potrebbe quindi essere stata investita da un auto in corsa e poi scaricata in un secondo momento a bordo strada, vicino all’area di servizio di Nichelino Sud. In questi giorni gli investigatori stanno passando al setaccio tutte le immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza della tangenziale, in modo da poter individuare l’auto in fuga e i suoi occupanti. Intanto la famiglia di Anxhela, che vive in Albania, chiede a gran voce giustizia per la giovane ragazza. La ventenne era giunta in Italia nel mese di marzo con la speranza di cambiare vita dopo la morte prematura della madre; nessuno però in Albania era al corrente che la ragazza avesse intrapreso la strada della prostituzione.

                                                                                             Simona Pili Stella