Home » vetrina10 » LA VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ MUSCOLARE DEI MUSICISTI
Il 60% degli studenti di musica e il 90% dei professionisti soffre di disturbi neuromuscolari più o meno gravi

LA VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ MUSCOLARE DEI MUSICISTI

di ilTorinese pubblicato venerdì 24 febbraio 2017

musicista medicinaL’Accademia di Musica di Pinerolo promuove l’incontro VALUTAZIONE DELL’ATTIVITA’ MUSCOLARE DEI MUSICISTI I risultati di tre borse Lagrange Martedi 14 marzo 2017, ore 9.30 – 11.00 Accademia di Musica Viale Giolitti, 7 a Pinerolo. Interviene il Prof. Roberto Merletti, del Laboratorio di Ingegneria del Sistema Neuromuscolare al  Politecnico di Torino, sul tema: L’applicazione di tecniche di elettromiografia non invasiva allo studio della attività muscolare dei musicisti: i risultati di tre anni di lavoro. Prospettive. L’Ing. Alessandro Russo, Borsista Lagrange presenterà una dimostrazione sperimentale. Il 60% degli studenti di musica e il 90% dei professionisti soffre di disturbi neuromuscolari più o meno gravi. Chi si occupa della prevenzione? Quali strumenti e tecniche sono stati sviluppati e quali risultati sono stati raggiunti in medicina dello sport e del lavoro che siano trasferibili ai problemi dei musicisti? E’ possibile confrontare quantitativamente scuole e posture, sedie e spalliere, studenti e docenti? E’ possibile fornire un biofeedback che consenta allo strumentista di minimizzare sforzi, co-contrazioni muscolari e dolore quando studia? E’ possibile prevenire le patologie occupazionali dei musicisti formando docenti di musica e fisioterapisti qualificati nel settore? Esiste una condizione “ottima” generale o un “ottimo” individuale?