Home » Cosa succede in città » La rubrica della domenica
SPIGOLATURE DI VITA E STORIE TORINESI

La rubrica della domenica

di ilTorinese pubblicato domenica 7 ottobre 2018

Il regime di Di Maio – Giovanni Giovannini – L’antisemita padre Gemelli – Lettere

 

.

Il regime di Di Maio
Il reddito di cittadinanza è profondamente sbagliato perché non stimola il lavoro, ma il parassitismo presente soprattutto al Sud.Ma l’idea balorda delle spese etiche e’ ancora peggiore. Imporre con la legge l’etica e’ una forma di barbarie .Etica e Legalità sono concetti distinti e distanti. Ciò che è legale può essere non etico e ciò che è etico può addirittura essere illegale . Le leggi di Antigone lo dimostrano da secoli, ma i grillini sono molto ignoranti, come d’altra parte, lo sono i leghisti. Comprare un gelato con il reddito di cittadinanza sarà etico o bisognerà limitarsi alle spese fissate da di Maio. Sono cose da regime sovietico. Neppure i fascisti con il loro Stato etico osarono tanto. Forse nell’ Iran dei fondamentalisti religiosi islamici si trovano tracce di comportamenti tanto scriteriati e intolleranti.
***

Giovanni Giovannini
E’ stato un grande giornalista torinese, di origini toscane. E’ stato grande inviato speciale, vicedirettore della “Stampa” quando era direttore Alberto Ronchey . Poi si dedicò all’editoria e fu per anni presidente della FIEG ,la federazione degli editori. Giovannini aveva capito con decenni di anticipo la brutta fine che avrebbero fatto i giornali di carta vittime di internet  .I suoi viaggi in Giappone gli avevano consentito di capire gli effetti della rivoluzione al silicio. Ma lui aveva anche colto l’abbassamento pauroso del livello professionale dei giornalisti. Era un uomo dotato di una forte personalità  e di una fervida intelligenza . La nostra fu una lunga amicizia .Gli presentai anche l’ultimo libro dedicato alla sua prigionia in Germania dopo l’8 settembre 1943,quando rimase fedele al giuramento prestato. Giovannini fu anche presidente del comitato scientifico del centro Pannunzio  per alcuni anni. Non era, come tanti suoi colleghi di allora ,un militante della sinistra. Peccato che a ricordarlo , a dieci anni dalla sua morte, a Torino ,ci saranno anche quelli che con fastidio Vanni definiva “giornalistini”. Fu tra i fondatori del Circolo della Stampa , ma  venne ignorato per anni fino a quando il grande presidente Gianni Romeo lo nominò  presidente onorario.U n riconoscimento tardivo, ma giusto. Insieme a Carlo Casalegno fu il giornalista torinese più importante  degli Anni 60 e 70.
***

L’ antisemita padre Gemelli
Quest’anno si ricordano gli 80 anni delle leggi razziali , la più grossa bestialità del fascismo. A renderne conto e’ stato chiamato soprattutto Vittorio Emanuele III che le promulgò ,ma un ruolo non indifferente nel sostegno di quelle leggi sciagurate lo ebbe Padre Agostino Gemelli, fondatore dell’Università Cattolica e personaggio di spicco del mondo cattolico. Non ho letto in nessun giornale che qualcuno abbia chiamato in causa le esplicite responsabilità antisemite di Gemelli che riuscì ad occultare così bene il suo dichiarato antisemitismo da poter continuare ad essere dopo il 1945 rettore della sua università fino alla morte. Anzi , un decreto del Presidente della Repubblica lo nominò rettore a vita , un riconoscimento davvero eccezionale e immeritato

***
Lettere      scrivere a quaglieni@gmail.com

.

Circoli e saloni
Cosa pensa del nuovo presidente del Circolo dei lettori e del Salone del libro?                   Orsola Giugni
                                                                                                        

.
Il notaio Biino e’ persona capace e molto per bene che ho conosciuto qualche anno fa, forse con l’unico difetto di essere un po’ troppo amico di Chiamparino che , insieme al suo assessore Parigi, sono responsabili di gravi errori .Gli auguro di saper portare il Circolo sulla retta via e il Salone del Libro ai traguardi che si prefigge. E’ un progetto ambizioso che richiederà molto impegno e anche  una correzione  coraggiosa degli errori commessi.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE