Home » ECONOMIA E SOCIALE » La Regione per la cura dell’aspetto estetico dei pazienti oncologici
Ci sarà un albo per individuare gli estetisti formati

La Regione per la cura dell’aspetto estetico dei pazienti oncologici

di ilTorinese pubblicato venerdì 6 gennaio 2017

regione giuntaLa Regione Piemonte è pronta a formare anche la cura dell’aspetto estetico dei pazienti oncologici. Ci sarà un albo per individuare gli estetisti formati e preparati ad occuparsi delle persone malate di tumore e sottoposte a trattamenti oncologici.

 

Questo è il progetto a cui la Regione Piemonte sta lavorando insieme alla Rete oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, su proposta del Comitato unitario delle confederazioni artigiane, i cui rappresentanti nei giorni scorsi hanno incontrato l’assessore alla Sanità Antonio Saitta.

 

L’idea allo studio è quella di varare dei corsi di formazione aperti a estetisti già abilitati alla professione, della durata di 150 ore e comprensivi di uno stage all’interno di una struttura sanitaria o di un hospice.

 

“Credo che sia un esempio di un corretto utilizzo delle risorse pubbliche – ha sottolineato l’assessore Saitta – in quanto usate in funzione di un reale interesse comune. Certo, occorre concludere questo BANDIERE REGIONEpercorso insieme all’assessore alla Formazione professionale Gianna Pentenero”.

 

I vertici delle associazioni, tra cui il segretario regionale Cna Filippo Provenzano e Lino Fioratti di Confartigianato Piemonte, hanno spiegato nel corso dell’incontro, che una corretta preparazione può aiutare a migliorare l’approccio professionale degli estetisti, facendo loro conoscere le patologie più ricorrenti, e al contempo a ridurre i possibili disagi dei pazienti.

 

In questo senso sarà importante il ruolo della Rete oncologica diretta da Oscar Bertetto, intervenuto alla riunione. Questa fornirà i docenti dei corsi e contribuirà a stilare il programma didattico delle attività.

L’obiettivo finale sarà appunto quello di creare un elenco di professionisti specializzati, in grado di operare con le dovute competenze e di fungere da riferimento per i pazienti e per le famiglie.

 

Vito Piepoli

(foto: il Torinese)