Home » prima pagina » La Regione dichiara guerra al bullismo. Lavoro di squadra con le istituzioni e le famiglie
Corsi di formazione per la polizia municipale e pubblicazione on line della nuova edizione di "Bulli e bulle: no grazie"

La Regione dichiara guerra al bullismo. Lavoro di squadra con le istituzioni e le famiglie

di ilTorinese pubblicato domenica 12 febbraio 2017

bulli giovaniDopo il successo – con 1600 studenti piemontesi che il 7 febbraio vi  hanno partecipato  – de “Il Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo”, iniziativa promossa in occasione prima della Giornata nazionale contro il bullismo a scuola, le istituzioni torinesi e regionali stanno affrontando con impegno le tematiche legate al fenomeno sociale.

Numerose altre iniziative contro bullismo e cyberbullismo si sono svolte in tutto il Piemonte, promosse da forze dell’ordine, enti locali, Regione, Ufficio scolastico regionale, Procura dei minori e molte altre realtà che hanno raccolto l’invito del Distretto 2031 del Rotary International. Fra i progetti, quello portato avanti con l’opuscolo “Bulli e bulle? No grazie”, che ha visto le forze dell’ordine promuovere incontri con gli studenti, polizia postale e carabinieri rispettivamente in 168 e 496 scuole mentre i vigili urbani hanno incontrato 652 classi torinesi.

bullismoLa Regione Piemonte intende proseguire nel grande lavoro di squadra, realizzato anche grazie alle Consulte regionali, su questo tema. L’importanza del “lavoro comune e dell’alleanza con le famiglie per combattere questo fenomeno”  viene sottolineato dall’assessora all’Istruzione, Gianna Pentenero, mentre la collega ai Diritti, Monica Cerutti, parla della necessità di “azioni trasversali” ricordando la recente legge regionale contro le discriminazioni, e l’assessore allo Sport, Giovanni Maria Ferraris, ritiene che “un ruolo importante può essere giocato anche dallo sport” e ricorda l’avvio di corsi di formazione sul bullismo per la polizia municipale. Inoltre, ha provveduto alla pubblicazione on line della nuova edizione di “Bulli e bulle: no grazie“, con due versioni rivolte una agli studenti e l’altra a insegnanti e genitori.

GG – www.regione.piemonte.it