Home » LIFESTYLE » La più grande pizzeria è a Mondovicino
PIZZA IN LANGA 2018

La più grande pizzeria è a Mondovicino

di ilTorinese pubblicato sabato 23 giugno 2018

DAL 22 GIUGNO AL 22 LUGLIO  L’OUTLET VILLAGE OSPITERA’ LA KERMESSE DEDICATA ALLA SPECIALITA’ ITALIANA PIU’ CONOSCIUTA AL MONDO

 

La più grande pizzeria a cielo aperto del Nord d’Italia aprirà i battenti venerdì 22 giugno a Mondovicino Outlet Village, che con Pizza in Langa si consacra come punto di riferimento della pizza con un mese di eventi dedicati alla specialità gastronomica italiana più amata al mondo. La kermesse, che durerà fino al 22 luglio, farà scoprire al grande pubblico il gusto della pizza napoletana e non solo in tutte le sue declinazioni, i segreti e i trucchi per replicarla a casa. Organizzata dall’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e dal giornalista gastronomico Vincenzo Pagano, Direttore di Scatti di GustoPizza in Langa ospiterà laboratori, show cooking con pizzaioli di fama internazionale e lezioni per “piccoli pizzaioli”. Saranno coinvolti, oltre all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, anche esperti panificatori del panorama italiano. A Mondovicino Outlet Village sarà allestito un grande villaggio, dedicato al mondo della pizza ed alle sue interpretazioni più famose. Tutti i giorni dalle 10 alle 20 sarà possibile degustare e acquistare le specialità dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, il sabato e la domenica si potrà anche assistere a spettacolari show cooking al sapore di pizza e ci saranno laboratori per bambini.

 

 DI SCENA IL PIZZAIOLO CHE VIENE DAL MONDO DELLE AUTO FUORISERIEE IL MARADONA DELLA PIZZA NAPOLETANA CON I FORMAGGI DI OCCELLI

 

Il 23 e 24 giugno show cooking di due maestri pizzaioli che vengono da due mondi agli antipodi ma accomunati dal gusto per la ricerca e l’innovazione

 

Il 23 giugno e il 24 giugno a “Pizza in Langa” – la kermesse gastronomica di Mondovicino Outlet Village – sarà un week end dai forti contrasti. Scenderanno in campo due maestri pizzaioli dalle storie agli antipodi: Patrick Ricci, ex manager che viene dal torinesissimo mondo delle auto fuoriserie, e Diego Vitagliano, napoletano verace dalla inevitabile passione per Diego Maradona, dietro al bancone a sfornare pizze dall’età di 16 anni. I loro saranno show cooking intriganti e speciali, ancor di più se si pensa che Vitagliano “contaminerà” le sue pizze gourmet con gli speciali formaggi cuneesi di Beppino Occelli, tra cui l'”Occelli nel fieno Maggengo”.

 

Si inizierà sabato 23 giugno con lo show cooking di Patrick Ricci dalle ore 12.30 alle 13.30 e dalle ore 15 alle 16. Ricci, che da una decina di anni è titolare di una delle migliori pizzerie del Piemonte e d’Italia, a San Mauro Torinese, nasce come dirigente della Pininfarina, che ha lasciato per aprire un locale dal sottotitolo particolare, simbolo di una filosofia precisa: “Terra, grani, esplorazioni”. Una scelta dettata dalla necessità di ricominciare da zero, da cui è iniziato un appassionante viaggio di ricerca, studio, esplorazione e selezione delle materie prime. Il tutto con un’impostazione molto personale e anticonformista. Il 23 giugno, nel suo show cooking proporrà una pizza a degustazione, servita a spicchi. Assaggi, anzi percorsi sensoriali, frutto di storie e racconti diversi. La scelta delle materie prime è attentissima e quasi maniacale, frutto di un rapporto diretto con i produttori. La base è un blend messo a punto negli anni, acquistando personalmente diversi tipi di grano e macinandoli a pietra presso alcune realtà locali.

 

Il giorno dopo, domenica 24 giugno, dopo sarà la volta di Diego Vitagliano che terrà il suo show cooking dalle ore 13.30 alle 14.30 e dalle ore 15 alle 16. Il suo è un viaggio incominciato con il piglio del fuoriclasse con sulle spalle (e sull’insegna del locale) il numero dieci di chiara ispirazione maradoniana. Oggi è una delle figure di spicco della “nuovelle vague” partenopea, con una pizza leggera come la piuma e al contempo digeribile (con un impasto lievitato 48 ore e controllato ogni due ore), che guarda al futuro e all’innovazione. Ma con le radici ben salde nella tradizione, quella tradizione che ha fatto conoscere Napoli e il suo fiore all’occhiello nel mondo intero. Il tutto con un’attenzione particolare al recupero della biodiversità e un proprio orto in cui curare erbe e ortaggi che arricchiscono le pizze.

 

Durante il weekend non mancheranno inoltre le attività per i più piccoli con “Piccoli Pizzaioli crescono”: il laboratorio per pizzaioli in erba si terrà sabato e domenica alle ore 11.30 e 17.00 e sarà condotto da Marilena Miccù in collaborazione con l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani.