Home » vetrina6 » La “pattuglia” che affondò con la torpediniera nella tempesta sul lago Maggiore
Un libro di Elio Motella

La “pattuglia” che affondò con la torpediniera nella tempesta sul lago Maggiore

di ilTorinese pubblicato giovedì 5 maggio 2016

“Pattuglia senza ritorno”. Edizioni Puntolinea (VB) – In vendita nelle migliori Librerie del VCO (in formato cartaceo); in ebook su Amazon.it

pattuglia finale

“Pattuglia senza ritorno”, il racconto storico felicemente uscito dalla penna di Elio Motella, si legge tutto d’un fiato e propone – nel quadro di una ben congeniata storia d’amore tra la maestra elementare Assunta Pedroli e il fuochista di Marina Matteo Ferrari – uno dei misteri ancora insoluti del lago Maggiore: quello del naufragio della “Locusta”. La narrazione è costruita attorno a questo tragico evento realmente accaduto nella parte alta del lago Maggiore, quasi al confine tra le acque italiane e quelle svizzere, in una gelida notte d’inverno di fine Ottocento. Mescolando realtà e finzione, l’autore tratteggia la vita sulla sponda occidentale delLAGO-LOCUSTA- Verbano tra il 1893 al 1896, dove i protagonisti sono i marinai e i militari della Guardia di Finanza del locale distaccamento, addetti al controllo lacuale con le torpediniere, gli “sfrusitt” ( i contrabbandieri ) che sfidavano leggi e autorità dedicandosi – tra fatiche e pericoli – al contrabbando, considerato a quel tempo una delle poche risorse per la sopravvivenza degli abitanti del lago e poi la gente e i luoghi tra Cannobio e Pallanza. Le rare foto d’epoca, a corredo degli avvenimenti, rendono bene l’atmosfera di quei luoghi e di quegli anni, in una terra di frontiera.

INFORMAZIONE COMMERCIALE